Interpellanza del consigliere Ghelfi (PDL), sulla valutazione antisismica del Policlinico e agibilità dei piani alti evacuati


“Le garanzie fornite dal comitato scientifico regionale per l’antisismica – commenta Luca Ghelfi, consigliere provinciale del PDL – lasciano alcuni dubbi. Se infatti il Policlinico al momento è sicuro, altrettante certezze non vengono fornite per eventuali nuove scosse. Dunque presto i reparti ai piani alti torneranno agibili, ma con un grosso punto di domanda sulla tenuta della struttura in caso di nuove scosse. Sono state spesso denunciate in passato le lacune strutturali del Policlinico, ma ignorate dai vertici della sanità locale e regionale. Ora che purtroppo il sisma devastante ha mostrato quanto tali denunce fossero fondate, occorre che tutte le certificazioni necessarie siano a posto per tranquillizzare i cittadini. Occorrono tempi certi sui lavori di stabilizzazione della struttura. Per questo interpello la Provincia. Le generiche indicazioni che parlano di “più presto possibile” sui giornali, da parte del direttore generale del Policlinico, non penso siano sufficienti. I problemi dell’ospedale sono noti e quindi ulteriori dilazioni non sono giustificabili. A meno che l’interesse su questo ospedale sia davvero, come denunciato dal Rettore, ridotta, e che davvero si stia usando il momento per depotenziare una struttura d’eccellenza che con la nascita di Baggiovara ha avuto già un duro colpo, –conclude Ghelfi – sta ora a chi decide, dimostrare che non siamo giunti in queste condizioni”.

Il testo dell’interpellanza:

Modena, 17 ottobre 2012

Al Presidente del

Consiglio Provinciale di Modena

Oggetto: Agibilità degli ultimi piani del Policlinico e rischi in caso di nuove scosse

INTERPELLANZA URGENTE

(con possibilità di dibattito)

Il sottoscritto Luca Ghelfi, consigliere provinciale del Gruppo PdL,

in merito

alla perizia del comitato scientifico regionale per l’antisismica riguardante la tenuta statica del Policlinico di Modena

Considerato

Che da tale perizia risulta che i piani alti dell’edificio centrale (sesto, settimo e ottavo piano) sono agibili rispetto ai danni causati dal terremoto di maggio.

Considerato altresì

Che le stesse garanzie non sono state fornite riguardo la sicurezza in caso di ulteriori scosse,

Considerato

Che il parere del comitato avverte sull’urgenza dei lavori di stabilizzazione della struttura

Considerato

Che il direttore generale del Policlinico avverte che i lavori presto avranno corso

INTERPELLA

il Presidente della Provincia e per lui l’assessore competente, per sapere:

1) Se ritiene sufficientemente garantita la sicurezza dei pazienti che sono ricoverati in questi piani (di solito donne, puerpere e bambini)

2) Quali sono i tempi di intervento per garantire la sicurezza anche in caso di nuove scosse, considerata l’urgenza indicata dal comitato

3) Quali sono i tempi per ottenere un certificato di sicurezza statica rispetto ai rischi da terremoto per tutta la struttura del POliclicnico

Con osservanza,

Luca Ghelfi