Con bancomat rubato alleggerisce il conto della vittima, denunciato dai carabinieri nel reggiano




Le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Castelnovo Sotto in merito all’identificazione della persona che ha utilizzato un bancomat sottratto dall’interno di un’autovettura in sosta nel parcheggio del Centro Commerciale Ariosto di via Morandi di Reggio Emilia, e il cui utilizzo ha raggiunto la cifra di oltre 4.000 €, hanno consentito di individuare l’autore dei reati in un pregiudicato mantovano. L’epilogo della vicenda è quindi culminata con la denuncia in stato di libertà che i Carabinieri hanno inoltrato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia nei confronti di un 60enne originario di Casalmaggiore (CR) e residente a Mantova, in ordine ai reati di indebito utilizzo di carta bancomat.

L’origine della vicenda risale al 25 gennaio scorso quando ignoti ladri, dopo aver forzato la portiera, si introduceva all’interno dell’autovettura di una 65enne pensionata reggiana, che era parcheggiata nel parcheggio del centro commerciale Ariosto di via Morandi a Reggio Emilia, sottraendole la borsa che aveva lasciato incustodita all’interno dell’abitacolo. Documenti personali, una cinquantina di euro in contanti e documenti bancari, questo il bottino del malvivente che tuttavia è stato rimpinguato con ulteriori 4.200 euro attraverso l’indebito utilizzo della carta bancomat della derubata. Oltre al furto pertanto la pensionata ha denunciato, come da lei successivamente appreso dall’estratto conto, l’indebito utilizzo della carta bancomat posto in essere lo stesso giorno del furto per un prelievo di contante pari a 600 euro prelevati dallo sportello ATM dell’Ufficio Postale di via Fratelli Cervi a Reggio Emilia e 3.300 euro per ricaricare una postepay evolution.

La tecnologia, come accade spesso in questi casi, è venuta incontro alle indagini dei carabinieri di Castelnovo Sotto che hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza dell’Ufficio Postale. Seppur l’uomo abbia agito parzialmente travisato, la sua identificazione è stata resa certa con l’incrocio della successiva operazione ovvero quella fatto per ricaricare la postepay evolution risultata intestata all’odierno indagato, nei cui confronti sono stati acquisiti incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine al reato di indebito utilizzo di bancomat per la cui ipotesi è stato denunciato alla Procura reggiana.

Le indagini sono ora finalizzate ad accertare se il 60enne mantovano sia anche, come sospettano militari alla luce del breve periodo passato tra il furto e l’utilizzo del bancomat rubato, l’autore materiale del furto sull’auto della 65enne.

 



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013