Sospetta tradimento e per vendetta svuota il conto alla fidanzata: denunciato a Novellara




E’ uscito con lei per bersi una birra e, con la scaltrezza degna del miglior ladro, approfittando di essere entrato in possesso del portafoglio che la fidanzata gli aveva dato per pagare il conto, gli ha sottratto il bancomat. Dopo averla accompagnata a casa, come meglio non poteva fare il peggior giuda, si è precipitato presso uno sportello ATM dove, utilizzando il bancomat, le ha svuotato il conto lasciando un saldo di 5 euro. E’ stato però identificato dai Carabinieri di Novellara a cui la derubata, una 23enne di Reggio Emilia, si è rivolta denunciando l’accaduto dopo aver verificato tramite l’apposita applicazione che il suo conto era stato svuotato grazie all’indebito utilizzo del suo bancomat. Dalle indagini dei Carabinieri ha quindi ha avuto conferma, con amara sorpresa, che il ladro era il suo fidanzato.

Quest’ultimo dal canto suo, dopo essere stato scoperto dai Carabinieri, si è mostrato pentito restituendo i soldi all’oramai ex fidanzata e giustificando di aver agito per vendetta sospettando che la ragazza lo tradisse. Un gesto, quello di restituire i soldi, che gli consentirà di godere dei benefici di legge in sede processuale. Con l’accusa di furto e indebito utilizzo di bancomat e carta di credito i Carabinieri della Stazione di Novellara hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un operaio 36enne del paese.

L’origine dei fatti lo scorso mese di dicembre quando l’odierno indagato si è presentato dalla fidanzata invitandola a uscire per un drink. All’atto del pagamento la ragazza consegnava il portafogli al fidanzato che in tale frangente, come poi accertato dalle indagini, si impossessava del bancomat della 23enne. Terminata la serata la donna veniva accompagnata a casa mentre l’uomo, recatosi in uno sportello ATM prelevava 500 euro. Accortasi dell’ammanco del bancomat ma soprattutto del fatto che il saldo del suo conto avesse solo 5 euro la ragazza scopriva degli indebiti prelievi. Avendo dato il portafoglio solo al fidanzato lo chiamava chiedendogli contezza dell’accaduto. “Stai scherzando? Mi sento offeso solo dal fatto che tu l’abbia pensato”. Questa la reazione dell’uomo con la ragazza che quindi formalizzava la denuncia ai carabinieri. Ha così appreso dagli stessi militari di Novellara che il responsabile, come inizialmente sospettato, era effettivamente il fidanzato come rilevato anche dalle telecamere del bancomat che lo riprendevano durante i prelievi.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013