Museo del Balsamico Tradizionale a Spilamberto


Sarà inaugurato domani a Spilamberto (Modena) il ‘Museo del Balsamico Tradizionale’,
che vuole essere un punto di riferimento per la storia, le tradizioni, le tecniche di produzione, le conoscenze scientifiche ed organolettiche e l’ attuale realtà dell’ aceto Balsamico Tradizionale, per difenderne valori e originalità.


Questo particolare aceto deriva da una tradizione vecchia di secoli che tramanda le regole e i processi di produzione, mentre la quotidiana cura in acetaia regala al Balsamico Tradizionale
un aroma e un profumo, in armonia e contrasto, inimitabili. Per questo, la Consorteria dell’ Aceto Balsamico Tradizionale ed il Comune di Spilamberto, in collaborazione con enti pubblici e
soggetti privati, hanno deciso di creare il museo dedicato a quello che è stato definito ‘nettare nero’.
La filosofia dell’ allestimento, suddiviso in diversi
percorsi tematici, consente un positivo approccio a diverse tipologie di visitatori, dall’ esperto al ristoratore, dalla scolaresca al turista, enogastronomico e non. All’ interno si potrà vedere come vengono scelti i vigneti, la costruzione
delle botti, la vendemmia, la pigiatura, la cottura del mosto, l’ acetaia. Il museo si trova in via Roncati 28, all’ interno della Villa Fabriani, di proprietà comunale, dove ha sede la Consorteria
dell’ Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Nelle giornate di sabato e domenica il museo sarà aperto dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, il mercoledì dalle 9 alle 13. E’ possibile inoltre prenotare visite guidate anche in altri giorni settimanali
(visite per gruppi in cui vengono illustrate le tecniche di assaggio).
Informazioni: Consorteria tel.059-785959, Assessorato alla
Cultura Comune di Spilamberto tel.059-789964.