Home Attualita' Attentati Parigi: presidio davanti al Sacrario della Ghirlandina questa mattina

Attentati Parigi: presidio davanti al Sacrario della Ghirlandina questa mattina

parigi-14nov-minuto-di-silenzio“Se l’11 settembre i terroristi colpirono negli Stati Uniti i luoghi del lavoro, del potere economico e militare, ieri hanno voluto colpire la bellezza, il vivere felice e insieme. Con questo presidio, vogliamo dare un segnale visibile di reazione contro il terrorismo e un’immediata solidarietà alle francesi e ai francesi colpiti, a cui ci sentiamo vicini”. Lo ha detto il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli durante il momento di raccoglimento per ricordare le vittime e i feriti degli attentati terroristici di Parigi che si è svolto questa mattina, 14 novembre, davanti al Sacrario dei Caduti in piazza Torre, sotto la Ghirlandina, dove erano esposti i gonfaloni dei Comuni e le bandiere listate a lutto della Francia, dell’Italia, dell’Unione europea.

Accanto al sindaco, il presidente della Regione Stefano Bonaccini, i parlamentari Davide Baruffi e Cecilia Guerra, i sindaci e rappresentanti dei Comuni di Carpi, Soliera, Mirandola, per l’Area nord, e Sassuolo. Insieme a numerosi cittadini, all’incontro, che si è chiuso con un minuto di silenzio, erano presenti i componenti della Giunta e del Consiglio comunale di Modena, rappresentanti della Comunità islamica modenese, della Diocesi e di numerose associazioni.

“I terroristi – ha proseguito il sindaco – hanno provato a colpire le comunità nel loro momento più unito quando persone di ogni età, e in particolare tanti giovani, donne e uomini di ogni religione, stavano passando il venerdì sera allo stadio, in una sala concerti, nei bar e nelle strade di una città magnifica e multiculturale come Parigi. Hanno colpito lì per togliere solidità, rinnovare il terrore, e renderci diffidenti gli uni degli altri. Abbiamo voluto organizzare questo momento sapendo di interpretare i sentimenti dei modenesi, l’angoscia e la rabbia che tutti noi abbiamo provato ieri notte, assistendo impotenti a una serie di attentati che ci ha lasciato sconvolti per la violenza e l’efferatezza. E lo facciamo qui – ha affermato Muzzarelli – al Sacrario dei Caduti, luogo sacro della città simbolo della Resistenza, perché davanti alla violenza, davanti a chi vuole sovvertire la democrazia che abbiamo così faticosamente conquistato non ci possono essere cedimenti, non ci possono essere passi indietro. Proprio qui a Modena abbiamo incontrato il presidente della Repubblica francese, Hollande, al quale rivolgo un pensiero a nome di tutti i modenesi. Ha detto che saranno spietati verso chi ha colpito Parigi e creato un nuovo dramma: questo è il momento di sapere scegliere e sapere capire. Essere inflessibili contro chi pratica integralismo, contro chi invita alla violenza ed all’azione terroristica ed al contempo mettere il massimo impegno per evitare che dall’odio nasca nuovo odio. Modena reagisce come ha sempre fatto: andando avanti. Il terrorismo vuole farci chinare la testa, e noi la alziamo. Non ci chiudiamo, non la diamo vinta al terrore. Domani in Piazza Roma – ha concluso – daremo un messaggio forte: all’inaugurazione, che non abbiamo voluto annullare, daremo un significato ancora più forte di unità e di comunità, grazie alla collaborazione con l’Accademia Militare. Inaugureremo la piazza con un minuto di silenzio in ricordo delle vittime di Parigi e tutti insieme manifesteremo la vicinanza al popolo francese contro la violenza di chi vuole odio, divisioni, paura”.

parigi-14nov-gruppo-(2)