23.7 C
Comune di Sassuolo
mercoledì 28 Settembre
HomeModenaStagione dei funghi, il controllo è gratuito. Occhio agli esemplari tossici e...




Stagione dei funghi, il controllo è gratuito. Occhio agli esemplari tossici e alterati

Zanni e Tripodi

Siamo nel pieno della stagione dei funghi, ma occhio agli esemplari raccolti. Per questo è fondamentale, per evitare una intossicazione grave o persino letale, il controllo dei funghi presso una delle sedi dell’Ispettorato Micologico dell’Azienda USL di Modena presenti sul territorio provinciale, una buona pratica per tutti gli appassionati dei prodotti del sottobosco. Non esistono, infatti, mezzi empirici sicuri per capire se un fungo è commestibile, tossico o velenoso: solo il micologo, grazie alla sua vasta conoscenza in materia, può determinare con certezza la commestibilità di un fungo.

In media il 30% dei controlli sui funghi portati dai cittadini presso l’Ispettorato Micologico evidenzia la presenza di specie tossiche o non commestibili. È frequente anche la certificazione di funghi alterati, e per questo non commestibili, dovuta a una inadeguata raccolta o conservazione da parte dei raccoglitori. Proprio recentemente l’Ispettorato Micologico di Modena è intervenuto in due episodi di sospetta intossicazione da consumo di funghi presso i Pronto Soccorso del Policlinico e dell’Ospedale di Baggiovara.

“Si tratta di un servizio gratuito, che permette di determinare la commestibilità dei funghi, in modo da poterli consumare in totale sicurezza – spiega Damiano Zanni, coordinatore dell’Ispettorato Micologico dell’Ausl –. La prudenza è raccomandata anche per i funghi ricevuti in regalo: sempre meglio farli controllare che rischiare una pericolosa intossicazione o un avvelenamento potenzialmente letale. In questo periodo si registra la forte crescita di specie fungine nelle zone montane della nostra provincia anche tossiche/mortali. L’invito è dunque di portare sempre i funghi raccolti all’Ispettorato micologico prima di cucinarli. D’altronde, perché rischiare?”.

Cuocere sempre i funghi commestibili

È necessaria una cottura prolungata (per almeno 20 minuti) in grado di far raggiungere al fungo, in tutte le sue parti, la temperatura e il tempo necessario alla degradazione delle tossine eventualmente presenti (se tossine termolabili) e favorire la digeribilità. La cottura in graticola o la frittura sono tipologie di cottura veloci, che possono lasciare inalterate le sostanze tossiche. Inoltre, le tossine responsabili delle sindromi più gravi non vengono degradate dal calore né dall’essiccamento.

Le sedi dell’Ispettorato Micologico

Le sette sedi dell’Ispettorato micologico (Modena, Carpi, Mirandola, Vignola, Sassuolo, Montefiorino e Pavullo) sono tutte attive. Il punto di Modena presso il Centro Servizi di Baggiovara è aperto tutto l’anno mentre a Pavullo e Montefiorino i micologi effettuano i controlli dei funghi fino a fine ottobre; a Carpi, Mirandola, Sassuolo e Vignola fino a fine novembre.

Per conoscere sedi e orari dell’Ispettorato più vicino, è possibile chiamare il numero verde regionale 800 033 033 (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30 e il sabato mattina dalle 8.30 alle 13.30) o consultare la pagina dedicata nel portale dell’Azienda USL. Fuori degli orari stabiliti, inoltre, è possibile far controllare i funghi per autoconsumo o quelli destinati alla commercializzazione e somministrazione su appuntamento telefonico.

Nella foto Damiano Zanni, ispettore micologo coordinatore, SIAN Ausl Modena e Alberto Tripodi, Direttore del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) dell’Azienda USL di Modena
















Ultime notizie