mercoledì, 24 Luglio 2024
13 C
Comune di Sassuolo
HomeCulturaL'associazione Avviso Pubblico compie 25 anni





L’associazione Avviso Pubblico compie 25 anni

Compie 25 anni Avviso Pubblico, l’associazione che riunisce 440 soci, tra Comuni, Unioni dei Comuni, Province e Regioni, con l’obiettivo di creare un collegamento tra gli amministratori pubblici che promuovono concretamente la cultura della legalità nella politica, nell’amministrazione pubblica e sui territori che governano.

Il Comune di Modena vi aderisce dal 2011, è capofila provinciale dal 2014 e, dal 2019 fa parte della presidenza nazionale con l’assessore alle Politiche per il lavoro e la Legalità Andrea Bosi eletto tra i vicepresidenti.
Per celebrare il compleanno, che cade sabato 22 maggio, l’associazione ha organizzato due incontri on line: il primo, alle 10, si intitola “Avviso Pubblico: 25 anni di impegno. Le testimonianze dei territori” e mette in primo piano l’impegno che tanti amministratori di enti locali mettono in atto ogni giorno per prevenire e contrastare mafie e corruzione e promuovere la cultura della trasparenza, della partecipazione e della cittadinanza responsabile. Il secondo incontro, previsto alle 11.15 e dedicato a “Quale antimafia nell’Italia e nell’Europa del 21° secolo?”, sarà un dialogo tra il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho e il giornalista Giovanni Tizian.
Entrambi gli incontri saranno trasmessi in diretta sulle pagine Facebook e sul canale Youtube dell’associazione.
La festa proseguirà per tutto il giorno sui canali social di Avviso Pubblico (Facebook, Instagram e Youtube) che rilanceranno i video di auguri dei rappresentanti di associazioni, sindacati e dei soci, tra i quali anche quelli dell’assessore Bosi, in rappresentanza del Comune di Modena, che sottolinea come “Avviso Pubblico rappresenti una lunga e bella storia di impegno delle amministrazioni locali per diffondere la cultura della legalità: un lavoro di squadra, che si arricchisce e diventa più efficace grazie al confronto tra i soci e alla condivisione di conoscenza e buone prassi. Come Comune di Modena siamo impegnati da anni promuovendo la cittadinanza responsabile e proponendo azioni concrete per il contrasto ai fenomeni mafiosi, come la regolamentazione del gioco d’azzardo, i bandi per iniziative sul territorio e gli itinerari didattici per la legalità svolte anche insieme a Libera e al Centro documentazione e studi sulla legalità di Unimore”.

 

CONTRIBUTI PER PROGETTI SUL TERRITORIO

Promuovere una cultura della responsabilità e della partecipazione attiva della comunità locale nel contrasto alle infiltrazioni di stampo mafioso. È questo l’obiettivo del Bando per la promozione della cultura della legalità attraverso il quale il Comune di Modena mette a disposizione di enti e associazioni un fondo di 12 mila euro per azioni di educazione e formazione da realizzare sul territorio entro la fine dell’anno. Il bando, al quale è possibile candidare progetti fino a giovedì 10 giugno, è pubblicato sul sito del Comune (www.comune.modena.it/politichedellesicurezze). Quattro gli ambiti specifici nei quali inquadrare le azioni proposte: il fenomeno mafioso e la criminalità economica, il gioco d’azzardo patologico e illegale, i reati ambientali, l’evasione fiscale e il riciclaggio.

Proposto nell’ambito del più ampio progetto “Legalità e territorio”, avviato dall’Ufficio legalità e sicurezze del Comune nel 2019, il bando è alla sua seconda edizione e lo scorso anno ha contribuito alla realizzazione di nove iniziative diverse sul territorio.

Possono fare domanda di contributo i soggetti che aderiscono formalmente al Tavolo Legalità del Comune e le associazioni no profit (costituite da almeno un anno alla data di scadenza del bando) che possono candidare iniziative di qualsiasi tipo per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Ogni soggetto può presentare un solo progetto che sarà finanziabile per un massimo di 2.500 euro a copertura di una percentuale massima del 90 per cento delle spese sostenute. Non possono ricevere il finanziamento le associazioni che hanno apparecchi per il gioco d’azzardo a disposizione del pubblico o dei soci, non solo negli spazi propri ma anche in quelli concessi ad altri.

Le domande devono essere presentate entro il 10 giugno, compilando i moduli scaricabili dal sito del Comune (www.comune.modena.it/legalita-e-sicurezze) e inviate all’indirizzo di posta elettronica certificata del settore (modenasicura@cert.comune.modena.it).

Possono essere finanziati progetti realizzati o partiti dall’1 giugno 2021 e che devono obbligatoriamente concludersi entro il 31 dicembre 2021. Al contributo finanziario potrà essere associata anche l’assegnazione gratuita di una sala civica.

Tutti i progetti saranno valutati da un’apposita commissione che, oltre alla qualità della proposta, terrà in considerazione anche l’originalità e il carattere innovativo, la capacità di coinvolgere la comunità locale e, da ultimo, l’esperienza dell’associazione sui temi proposti dal bando.

 

















Ultime notizie