Il dito, regia Leonardo Lidi, domenica al Teatro Herberia di Rubiera




La stagione di prosa del Teatro Herberia di Rubiera, ideata e promossa da La Corte Ospitale prosegue domenica 16 febbraio 2020, alle ore 21, con Il dito, testo inedito per l’Italia di Doruntina Basha, adattamento e regia di Leonardo Lidi, in scena Elena Aimone, Noemi Apuzzo, Giulia Salvarani, Giuliana Vigogna.

Il dramma prende forma nel 2011 a partire da un lungo progetto di ricerca di Doruntina Basha sulle storie delle famiglie, che durante la guerra in Kosovo del 1998-1999 hanno avuto un famigliare scomparso. La ricerca parte dal fatto che la maggior parte delle famiglie albanesi kosovare ha una persona cara scomparsa, uomini soprattutto, prelevati dalle loro case e condotti in luoghi sconosciuti da militari e paramilitari. A partire dalle storie delle famiglie intervistate, l’autrice Doruntina Basha si confronta con il tema delle sparizioni forzate, e raccoglie un altro materiale prezioso: storie di donne che raccontano la propria vita nella famiglia contemporanea. Ne ricava un’indagine sulla condizione femminile in una società profondamente ancorata alla tradizione che usa le sue norme come strumenti per elaborare le sparizioni. Basha costruisce così un testo stratificato nel quale due sono le protagoniste: Shkurta, la nuora, e Zoja, la suocera. Le due donne convivono, sole, in attesa che il marito dell’una, e figlio dell’altra, ritorni a casa. Cucinano il suo piatto preferito, ciascuna convinta di essere l’unica a conoscerlo veramente. Shkurta è irrequieta, mal sopporta la suocera e i suoi maltrattamenti; Zoja porta il fardello di questa nuora indesiderata da custodire fino al ritorno del figlio. Il giovane però non ritornerà: è scomparso dieci anni prima, in una sera come quella e la cena che stanno preparando è destinata a un desaparecido. Un incidente durante la preparazione della cena scatena lo scontro tra le due. Entrambe smarrite dal dolore, dalla volontà di liberarsi, dalla necessità di accettare la morte dell’uomo tanto amato e dalla paura di fare i conti con essa.

Biglietto intero € 14; ridotto € 12 socio coop/arci/over65; ridotto € 8 under 25/docenti/studenti universitari/Utl; ridotto € 2 under 25 residenti a Rubiera.

La biglietteria del teatro è aperta ogni sera di spettacolo a partire dalle ore 20.

È possibile acquistare biglietti e gli abbonamenti presso gli uffici de La Corte Ospitale, in via Fontana 2 a Rubiera (RE) ed effettuare prenotazioni telefoniche dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13 al numero 0522621133 oppure via email all’indirizzo di email biglietteria@corteospitale.org

È possibile acquistare i biglietti e gli abbonamenti su www.vivaticket.it



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013