Viaggio nella storia con il Modena Viaemili@docfest


Per festeggiare il suo decimo compleanno, il Modena Viaemili@docfest, festival del cinema documentario, si presenta con un cartellone che raccoglie i documentari più interessanti dell’ultimo anno, con anteprime e presentazioni a ingresso libero.

Venerdì 8 novembre al Laboratorio Aperto (Viale Buon Pastore, 43, Modena) dalle 14.30 alle 18 gli studenti del corso di formazione “Storytelling immersivo e interattivo: metodi e tecniche per il racconto audiovisivo del reale” incontrano i Festival di Modena (Nonantola Film Festival, Ennesimo Film Festival e Modena Viaemili@docfest) e alle 16 Vittorio Iervese (UNIMORE) presenterà i lavori realizzati durante il corso 2018/2019. Il pomeriggio prosegue al Cinema Astra alle 18.15 con “Il Varco” di Federico Ferrone e Michele Manzolini, il racconto in soggettiva di un soldato durante la campagna di Russia nella Seconda Guerra Mondiale con la voce narrante di Emidio Clementi (Massimo Volume) e la collaborazione ai testi di Wu Ming 2. Al termine della proiezione, che fa parte della selezione ufficiale alla 76a Mostra del Cinema di Venezia, il regista dialogherà con Claudio Silingardi dell’Istituto Storico di Modena. Mentre alle 20 verrà proiettato “Scherza con i fanti” di Gianfranco Pannone e Ambrogio Sparagna, un viaggio nella storia recente d’Italia, un inno alla pace che vuole analizzare il difficile rapporto con il mondo militare e con il potere attraverso canti popolari e diari di guerra.  Al termine della proiezione, presentata alle Giornate degli Autori alla 76a Mostra del Cinema di Venezia, Ambrogio Sparagna dialogherà con il pubblico. Si terrà alle 21.30 al Cinema Astra la quinta edizione di Meglio Matti che Corti, il concorso internazionale di cortometraggi promosso dall’AUSL di Modena e da ARCI che indaga il mondo della salute mentale e le storie di chi lo vive attraverso il linguaggio cinematografico. Durante la serata proiezione dei cortometraggi finalisti e assegnazione del Premio del pubblico, che può votare il cortometraggio con una scheda distribuita in sala, e del Premio Vittorio Saltini, dedicato alla memoria di uno dei protagonisti dell’associazionismo e della cooperazione sociale modenese. I cortometraggi finalisti sono: The Sound di Antony Petrou, Cipro; Neighborrow di Martin Fournier, Francia; I tuffi di Andrea Rovetta, Italia; Blu di Paolo Geremei, Italia; Malatedda di Diego Monfredini, Italia; La forma del caos di Pietro Durante, Italia; La voce di Luca Grimaldi, Italia; D.A.P. Dentro Altri Posti di Luca Angioli, Italia; Chopper di Giorgos Kapsanakis, Regno Unito. A seguire intervengono Annalisa Lamazzi, Presidente Arci Modena; Clotilde Arcaleni, Presidente Associazione Insieme a Noi; Manuela Ciambellini, Social Point; Vittorio Venturi, Coordinatore Casa per la Pace; Sarah Olivero, Presidente Aliante Cooperativa Sociale; Fabrizio Starace, Direttore DSMDP Azienda Usl Modena. Durante il festival il bar sarà a cura di Juta Cinerama. Il Modena Viaemili@docfest è promosso da Comune di Modena, Regione Emilia Romagna, Arci Modena, Arci Emilia Romagna, UCCA, Kaleidoscope Factory, Cinema Astra e Juta Caffè, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Hanno collaborato a questa edizione il Laboratorio Aperto – Ex Centrale AEM, Festival delle Migrazioni, Giornate della Laicità, Emily Bookshop, Sala Truffaut, Ennesimo Film Festival, Nonantola Film Festival, Màt – Settimana della Salute Mentale, Azienda Ausl Modena, Istituto Storico di Modena, ForModena, Cinemaitaliano.info. Per info: www.modenaviaemiliadocfest.it / Facebook / Instagram