Iniziati a Castellarano i lavori di pulizia all’acquedotto romanico


Sono iniziati oggi, venerdì 26 luglio, gli interventi all’acquedotto romanico, storico manufatto del 1700, spesso erroneamente attribuito all’epoca romana, costruito per volontà del marchese Carlo Filiberto II per portare l’acqua alle fontane del Castello.

Verso il 1800 venne definitivamente abbandonato ed ebbe inizio il suo progressivo degrado reso più rapido dalla proliferazione di rampicanti abbarbicati ai sassi.

Esperti e tecnici stanno lavorando da mesi con il sindaco, l’assessore alla valorizzazione territoriale Luca Magnani e quello all’ambiente Cassandra Bartolini che si sono recati sul posto proprio in occasione dell’inizio dei lavori.

Nelle giornate di oggi, venerdì 26 e di lunedì 29 luglio, la ditta incaricata provvederà alla pulizia delle aree verdi intorno all’antica struttura e alla sagomatura dell’edera che ricopre interemente l’opera. Questo primo intervento permetterà ai tecnici di poter meglio osservare lo stato dell’acquedotto settecentesco e decidere quali interventi intraprendere.

Per poter effettuare i lavori verrà chiuso al traffico un tratto di via S. Francesco, compreso tra il civico 2 e via Migliorini, dalle ore 7.30 alle ore 12:00 e dalle ore 13.30 alle ore 17.00.

Per accedere al centro storico si dovrà quindi passare da via Migliorini.