Arrestati dai carabinieri dopo furto nel reggiano: recuperata auto con “kit banda”


Scoperti durante l’uscita da un ristorante di Viano che avevano preso di mira, sono balzati a bordo di un’auto rubata e, per assicurarsi la fuga, non hanno esitato ad investire i carabinieri che si sono lanciati a terra sul margine della carreggiata per evitare di essere travolti. I ladri però non sono riusciti a dileguarsi e sono stati presi dopo essersi schiantati contro un muro in cemento. Tre di loro, nonostante abbiano cercato di assicurarsi la fuga aggredendo i militari, sono finiti in manette, mentre un quarto – ora attivamente ricercato – è riuscito a fuggire.

Questo quanto accaduto la scorsa notte nel reggiano, che ha visto i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia, unitamente ai colleghi della stazione di Rubiera, arrestare con le accuse di concorso in furto aggravato, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale tre cittadini albanesi, tutti domiciliati a Rubiera. Si tratta del 21enne G.D., del 27enne K.N. e del 24enne D.P., ora ristretti a disposizione della Procura reggiana.

L’attività ha portato al recupero della refurtiva (un computer e il registratore di cassa) appena rubati dall’interno del Ristoself il Tresinaro di via Marconi a Viano e al sequestro di una Saab 9000, rubata in un’abitazione a un 72enne di Scandiano, oltre a vari attrezzi da scasso e indumenti da travisamento.

E mentre sono in corso le ricerche del quarto complice, sui tre arrestati ora stanno convergendo le attenzioni dei carabinieri per accertare le loro eventuali responsabilità su analoghi furti compiuti ultimamente a Reggio Emilia e provincia in attività commerciali.