carabinieri_2001Si trovava in una struttura per recupero di ragazzi con problemi di tossicodipendenza e alcolismo della provincia di Reggio Emilia ma nel corso di un’uscita autorizzata ne ha approfittato. Ha deviato il percorso raggiungendo una borgata del comune di Carpineti dove dopo aver sfondato la porta d’ingresso di un’abitazione si introduceva all’interno rubando un computer portatile e alcune bottiglie di superalcolici. L’aver condiviso i distillati con altra ospite della struttura, peraltro con problemi di alcolismo, è stata la circostanza che ha incastrato il ladro. Una responsabile della struttura, infatti, constatando lo stato di ubriachezza della ragazza e non capacitandosi di come all’interno della struttura fossero entrati gli alcolici ha segnalato l’accaduto ai Carabinieri. I militari hanno quindi accertato che il 17enne, ospite nella struttura in quanto con problemi di tossicodipendenza, approfittando di un uscita si era reso responsabile del furto in abitazione riuscendo poi in maniera fraudolenta a introdurre i superalcolici nella struttura che condivideva con una ragazza ospite, sua amica. I riscontri oggetti delle responsabilità del 17enne in ordine al furto in abitazione venivano anche date dal rinvenimento in sua disponibilità del computer portatile rubato dall’abitazione, Portatile che il giovane quando non utilizzava nascondeva nella cuccia di una cane posta nel giardino dove l’hanno trovato gli stessi Carabinieri che l’hanno restituito a derubato contrariamente alle bottiglie di superalcolici, scolate dai due. Le risultanze investigative dei Carabinieri di Carpineti condivise dalla Procura dei Minori inducevano quest’ultima a richiedere ed ottenere dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni un provvedimento restrittivo di natura cautelare che l’altro pomeriggio veniva eseguito dai Carabinieri che arrestavano il giovane conducendolo presso un idonea comunità dove è stato ristretto in regime di obbligo di permanenza all’interno della comunità.

 



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013