23.7 C
Comune di Sassuolo
giovedì 29 Settembre
HomeCronacaAci e Autodromo di Modena per la sicurezza




Aci e Autodromo di Modena per la sicurezza

guida-sicura-aciI responsabili dell’Automobile Club Modena e dell’Autodromo di Modena hanno presentato nella mattinata, presso l’ufficio di presidenza dell’Automobile Club Modena, una speciale iniziativa rivolta ai giovani ed alla guida in sicurezza denominata “ Aci e Autodromo per la Sicurezza”.
Le iscrizioni sono aperte presso tutte le delegazioni dell’ACI Modena e prevedono 3 differenti tipologie d’accesso.
* Iscrizione gratuita in esclusiva per i soli allievi iscritti nelle 11 autoscuole che Aci Modena ha operative in città e provincia.
* Iscrizione al prezzo speciale di 44 euro per i patentati che sono Soci dell’Automobile Club Modena.
* Iscrizione al prezzo di 54 euro per tutti coloro che sono in possesso della patente di guida.

“ Sono tre i momenti di studio e formazione teorica e pratica che abbiamo allestito. – accenna il Direttore Dott. Giuseppe Pottocar – Una è rappresentata da una parte teorica, in cui s’ effettuano anche le prove al simulatore di guida. Poi vi è la parte pratica, con una serie di percorsi in cui sono simulate situazioni critiche all’interno della zona paddock su vetture appositamente allestite. Si tratta delle tecniche di Guida Sicura da mettere in atto in caso d’aquaplaning, frenata assistita e slalom. Per l’approccio alla pista, abbiamo previsto la presenza delle Peugeot 308. Stiamo lavorando per avere qualcosa d’ancora più performante. In entrambe le prove pratiche, i giovani saranno affiancati dagli istruttori delle nostre autoscuole”.

L’obiettivo, che ACI Modena si è prefissato per questa terza prova in pista, non è quello di ricercare il “record” sul giro, alla Lewis Hamilton, ma solo acquisire le cognizioni necessarie per avere comportamenti ottimali e di sicurezza nell’affrontare ogni singola curva.
L’appuntamento è fissato per il pomeriggio di venerdì 30 maggio, con accesso all’Autodromo a partire dalle 14.30. La scelta dell’orario pomeridiano è legata alla volontà degli organizzatori di non voler interferire con il normale orario scolastico delle lezioni.
ACI Modena ha previsto di rilasciare a tutti i ragazzi, un attestato di “guida sicura”.

simulatore-guida-aci

“I primi dati sulle iscrizioni già raccolte presso le nostre delegazioni vedono, oltre alla buona affluenza in generale, un deciso e maggiore interesse delle ragazze per questa nostra iniziativa. Oggi siamo al 50%, nella loro presenza. – ricorda il Presidente Giorgio Montorsi – Un dato che mi sorprende piacevolmente. La sicurezza è un sostantivo femminile ma non credevo che la percentuale potesse essere quasi “dominante”. Una conferma di come il mondo è cambiato. Il possedere la patente di guida, che quando avevo 18 anni era una sorta di must per i ragazzi, ora trova una risposta più pronta ed interessata tra le ragazze. Un sintomo della loro maggiore volontà d’essere responsabili. L’obiettivo di quest’iniziativa, organizzata dall’Automobile Club Modena e che abbiamo riservato a 100 giovani, è quello di dare un contributo per migliorare il proprio comportamento di guida sulla strada. I nostri istruttori applicheranno in ogni momento della manifestazione il protocollo ACI Ready2Go. Il concetto di base di questo metodo didattico, oltre alle prove teoriche e pratiche, è quello di formare una cultura di rilevanza etica, sociale e morale nel rapporto tra automobilista e la strada. Obiettivo che si può raggiungere solo attraverso la costante sensibilizzazione e comunicazione di suggerimenti e consigli pratici per la guida. Da sempre Aci Modena vuole, è insito nel proprio dna, favorire lo sviluppo di una nuova generazione d’utenti che sia maggiormente consapevole di quelli che sono i comportamenti etici e salvavita quando si utilizza la pubblica strada. Come vedete la possibilità d’accedere a questa nostra iniziativa non è limitata solo ai neopatentati, ma è disponibile anche per coloro che hanno la patente da parecchi anni. Sradicare, in questi automobilisti, certe abitudini di guida, consolidate, è certamente la situazione più impegnativa su cui lavorare. Il nostro obiettivo è quello di non demordere e di dare seguito ad altre iniziative analoghe, per il futuro, in modo da raggiungere il maggior numero possibile d’utenti”.
















Ultime notizie