Cofiter rinnova gli organi sociali. Il ferrarese Stefano Bollettinari nominato presidente


Stefano_Bollettinari_Conf_ERinnovati gli organi sociali di Cofiter, il confidi del terziario dell’Emilia-Romagna: l’assemblea dei soci ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione. Alla carica di presidente è stato eletto Stefano Bollettinari (direttore regionale di Confesercenti) che succede ad Enrico Postacchini (presidente Ascom Bologna). Come vicepresidente è stato nominato Marco Amelio (vice presidente Confcommercio Ferrara).

Il Consiglio di Amministrazione di Cofiter, il confidi promosso da Confcommercio e Confesercenti Emilia Romagna, con il supporto finanziario della Regione e di Unioncamere Emilia-Romagna, risulta inoltre composto da: Pietro Fantini, direttore regionale Confcommercio, Paolo Benasciutti per la zona di Ferrara, Domenico Scalzo per Modena, Loreno Rossi e Luca Sarti per Bologna, Gianni Pera per Reggio Emilia e Loredana Esopi per Ravenna.

Nel Collegio sindacale sono stati confermati Federico Saini come presidente ed i membri effettivi Luca Amelia e Loris Quattrini.

Durante l’assemblea sono stati evidenziati i principali dati di bilancio e di operatività della società.

Sono state circa 3.000 le aziende che nel 2012 hanno potuto accedere al credito grazie alla garanzia prestata da Cofiter e dai confidi soci. I finanziamenti garantiti ammontano nel complesso a 200 milioni di euro a conferma delle necessità delle imprese di accedere al credito bancario in questo momento di forte difficoltà economica. A fine 2012 erano 60 mila i soci di I e II grado di Cofiter, che svolge un’importante attività di supporto e coordinamento territoriale per rispondere al meglio alle diverse richieste delle imprese.

Per il nuovo presidente, il ferrarese Stefano Bollettinari “Cofiter si conferma uno strumento essenziale per l’accesso al credito delle piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi. Cofiter può aiutarle a superare questa difficilissima e lunga crisi economica supportando sia esigenze di innovazione strutturale che necessità di consolidamento e liquidità aziendale. Per continuare a svolgere proficuamente questa funzione è necessario però rafforzare gli attuali contributi erogati a livello regionale ai Confidi da parte di Regione, Enti locali e Camere di commercio, ed anche prevedere incentivi di carattere nazionale, un miglior accesso al Fondo centrale di garanzia, nonché un nuovo modello normativo per il settore”.

“Ritengo fondamentale – commenta il neo vicepresidente Cofiter Marco Amelio – lavorare per migliorare e facilitare l’accesso al credito, elemento centrale nella relazione con le micro, piccole e medie imprese affinchè possano tornare a respirare. In questo direzione sarà mia cura attuare un lavoro quotidiano con il sistema bancario perché ogni caso ed ogni situazione trovi corretta e tempestiva valutazione”.