Fiorano: inaugurata la nuova sede Avis-Aido


avis_aido_fiorano

Tutta la comunità era rappresentata questa mattina, sabato 9 marzo, all’inaugurazione della nuova sede delle Associazioni Avis e Aido di Fiorano Modenese, dislocata nella struttura che ospita anche i magazzini comunali e di fianco a quella della Polizia Municipale, in Via Ferrari Carazzoli 100/A

Insieme a tanti volontari e rappresentanti delle altre associazioni fioranesi, erano presenti il sindaco Claudio Pistoni, il vicesindaco e assessore alle politiche per la promozione della salute e ai rapporti con il volontariato Maria Paola Bonilauri, assessori e consiglieri comunali, il presidente provinciale dell’Avis Maurizio Ferrari, il presidente dell’Avis di Fiorano Enzo Donelli, il presidente dell’Aido di Fiorano Mario Roncaglia, il comandante dei Carabinieri Lorenzo Mosto, il vicequestore di Sassuolo Michele Morra, il parroco don Giuseppe Albicini. Dopo i saluti iniziali e la benedizione dei locali, si è svolto il taglio del nastro e la visita, concludendo la semplice cerimonia con un rinfresco proposto dall’associazione Volontari In Movimento.
La nuova sede è composta da un salone prelievi con sei posti, l’ambulatorio medico, la sala ristoro e amministrazione, tre ambienti di uso vario e uno spogliatoio; rispetto alla precedente che si trovava nel centro commerciale in Via Santa Caterina, a fianco della sala consiliare, è più ampia, con più posti prelievo e spazi adeguati alle esigenze. Inoltre risponde già alle norme richieste per l’accreditamento istituzionale nazionale ed europeo, obbligatorio dal primo gennaio 2014 per continuare ad operare, premiando la sicurezza e la qualità dei controlli, che caratterizzano l’attività dell’Avis locale, mentre in tante altre parti del mondo la donazione di sangue e di organi continua ad essere un mercimonio.
Nei saluti e negli interventi iniziali sono stati ribaditi, fra l’altro: l’importanza dell’associazionismo nella comunità fioranese e il ruolo insostituibile che svolge; l’importanza ancora maggiore della sua attività in questo periodo di crisi; l’impegno dell’amministrazione per affiancare l’opera dell’associazionismo; l’importanza di rimanere legati e presenti nel territorio operando in reti vaste; la capacità di reazione dimostrata dall’associazione a livello modenese, nonostante i gravi danni subiti a causa del terremoto in molte sezioni della pianura.

L’Avis nel 2013 compie 46 anni; è la più numerosa associazione fioranese con i suoi 528 donatori; ogni anno raggiunge quota 1100 donazioni; inizia la sua attività il 21 settembre 1967, utilizzando inizialmente, come sede, l’ambulatorio del medico condotto, nel palazzo del municipio. Ma le donazioni erano iniziate già dal 1959 con il periodico arrivo in Piazza Ciro Menotti dell’autoemoteca. Si formò così un primo gruppo di donatori che hanno dato vita alla sezione fioranese, all’inizio presieduta da Vittorio Montagnani, poi da Mario Montecchi e quindi, da ben più di trent’anni, dal presidentissimo Enzo Donelli.
ll gruppo Aido ha festeggiato nel 2009 trentesimo anniversario della fondazione ed è impegnata a mantenere viva l’attenzione della comunità sulle donazioni di organi, tessuti e cellule. Molto infatti resta ancora da fare, per promuovere il rafforzamento della solidarietà umana; sollecitare la coscienza dei cittadini sulla necessità della donazione di parti del proprio corpo; sostenere le iniziative tendenti ad affrontare le problematiche connesse con la donazione e il trapianto.