Carpi/Castelfranco: Morrone (SEL), Accertare le responsabilità, fare pulizia, tenere alta l’attenzione




L’atteggiamento da tenere rispetto alla vicenda degli arresti di due tecnici comunali di Carpi e Castelfranco e di un imprenditore modenese, anche in attesa degli esiti giudiziari e della conclusione complessiva delle indagini, non può essere né di trascuratezza né di generalizzazione.

Tuttavia, questa vicenda segnala una spia, la brutta commistione tra pezzi della Pubblica Amministrazione e di imprenditoria, che oltre a richiedere l’accertamento pieno delle responsabilità e la punizione delle stesse agli occhi della cittadinanza indignata, rivela un segnale più profondo perché si inserisce all’interno di un territorio intaccato diverse volte, nel corso degli ultimi mesi e anni, dal punto di vista della legalità.

Questa preoccupazione non può surclassare i molteplici e positivi strumenti di cui le Istituzioni locali si sono dotate per prevenire la corruzione e il malaffare, ma tale constatazione non può stare a significare che ci si riposa sugli allori tanto il nostro sistema regge; il modello di buona amministrazione e di vitalità civica, che contraddistingue i nostri territori, va continuamente sottoposto a ricognizione critica e vivificato, altrimenti rischia di perdere i propri punti di forza, anche in considerazione della difficile fase di ricostruzione post-sisma che si aprirà nell’area Nord della provincia. Da questo punto di vista, bene ha fatto Libera a richiamare la necessità di un lavoro culturale diffuso e potenziato sui temi della legalità e del contrasto alla corruzione.

(Giuseppe Morrone, Coordinatore Federale SEL)



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013