Delegazione sudcoreana in visita al caseificio Nuova Martignana e alla Cantina Formigine Pedemontana


Ha fatto tappa anche a Modena la delegazione di funzionari governativi, economisti e sindacalisti della Corea del Sud che in questi giorni sta visitando alcune delle più importanti cooperative dell’Emilia-Romagna aderenti a Confcooperative. L’attenzione del paese asiatico, che guarda all’Italia per far crescere il proprio sistema cooperativo, si concentra soprattutto su agroalimentare, credito e sociale.

Ieri il gruppo ha visitato a Baggiovara di Modena il caseificio Nuova Martignana, una delle strutture di riferimento del Parmigiano-Reggiano, facendosi spiegare come avviene la produzione del “re dei formaggi”. Successivamente la delegazione sudcoreana si è trasferita alla Cantina Formigine Pedemontana, presso la quale è stato illustrato il processo che, attraverso la filiera cooperativa, porta la materia prima uva a essere trasformata in Lambrusco. Oltre al caseificio Nuova Martignana e alla Cantina Formigine Pedemontana, ieri la delegazione sudcoreana ha incontrato i dirigenti della Federazione regionale delle banche di credito cooperativo e i vertici di Confcooperative Emilia-Romagna; inoltre ha visitato la cooperativa sociale CIM di Bologna e l’azienda agricola e agrituristica Corte d’Aibo di Monteveglio, specializzata nella produzione di vini biologici. Nei giorni scorsi la troupe di una tv privata sudcoreana dedicata a consumatori, etica e solidarietà aveva intervistato Gaetano De Vinco, presidente di Confcooperative Modena e della cooperativa sociale Domus Assistenza. L’intervista era avvenuta all’interno della casa protetta Sandro Pertini di Soliera, gestita da Domus Assistenza per conto dell’Unione delle Terre d’argine.