Referendum Rsu Gruppo Fiat, Fiom/Cgil Modena: “il voto è sempre più una farsa”


Apprendo che è intenzione di FIM e UILM riconvocare i delegati di Ferrari, Maserati e CNH per tornare a votare l’accordo FIAT del 13 dicembre 2011. Trovo questa modalità di continuare a votare fino a quando non si ottiene il risultato voluto, al di fuori di qualsiasi logica di democrazia. Dovrebbero vergognarsi a prendere in giro non solo i delegati delle RSU, ma migliaia di lavoratrici e lavoratori.Sono convinto che i lavoratori quando a gennaio saranno convocati in assemblea da parte di FIM e UILM per essere informati sull’accordo, si ricorderanno di queste organizzazioni sindacali e sapranno rispondergli in modo chiaro.

Sono dispiaciuto di non poter veder in diretta ciò che accadrà in quanto per l’arroganza di FIAT, con la complicità di FIM e UILM, i lavoratori non avranno la possibilità, a partire dal 1/1/2012, di farsi rappresentare dai delegati della FIOM.

La democrazia nei posti di lavoro, il coinvolgimento dei lavoratori sono una cosa seria che non può essere affrontata in questo modo, ci vuole un po’ di serietà e di volontà ad ascoltare chi è direttamente coinvolto quotidianamente nei posti di lavoro.

A fronte di tutto ciò confermo l’invito a tutti i lavoratori ad aderire alla raccolta firme promossa dalla Fiom/Cgil per creare le condizioni per effettuare il referendum abrogativo sull’Accordo del 13 dicembre 2011.

(Giordano Fiorani, segretario generale Fiom/Cgil Modena)