Giunge alla sua terza edizione il congresso dedicato agli operatori culturali italiani. Festival of Festivals si terrà come di consueto a Bologna, dal 3 al 7 novembre 2010. Ancora una volta organizzatori, enti promotori e patrocinanti, aziende sponsor, istituzioni culturali, professionisti, formatori e studenti avranno l’occasione di incontrarsi e confrontare le proprie esperienze nell’ambito dell’organizzazione di manifestazioni culturali.

La presentazione del festival, avvenuta oggi a Venezia, nell’ambito della Mostra internazionale d’arte cinematografica, con la partecipazione dell’assessore regionale alla Cultura dell’Emilia-Romagna, Massimo Mezzetti, e del general manager di Festival of Festivals, Andrea Romeo, è stata anche l’occasione per porre l’accento su alcune problematiche inerenti il settore.

“Nei prossimi mesi – ha detto Romeo – i festival dovranno tutti affrontare la scure dei tagli pubblici, ma un’azione di sistema è possibile e urgente, e deve essere simultanea a questo processo. La pubblica amministrazione, sottraendosi al ruolo che in Italia ha tradizionalmente giocato nella cultura, deve imperativamente garantire una alternativa. Una migliore deducibilità fiscale degli investimenti privati e un sensibile incoraggiamento fiscale a favore dei promotori dei festival culturali esistenti è una scelta logica e sostenibile (persino nella comunicazione politica) anche come manovra d’emergenza. Chiediamo a tutti i festival di aderire subito a questa proposta”.

“Il decreto legge di Bondi di fine luglio, che andrà alla Camera a breve – ha commentato l’assessore Mezzetti – compromette gravemente la possibilità dello Stato e degli Enti locali di una promozione della cultura. In questo contesto i festival sono seriamente messi in discussione. Se a questo si aggiunge il pesante taglio sulle finanze locali determinato dalla manovra finanziaria del Governo, un intero settore del sistema culturale del nostro Paese rischia di essere messo in ginocchio. Sostanzialmente si taglia impoverendo un settore dell’economia nazionale in un momento in cui avremmo bisogno di investire in una nuova occupazione, a cui la filiera della creatività e della cultura può dare una risposta importante. Ecco perché è indispensabile difendere gli investimenti pubblici nel settore ma favorire e promuovere anche l’investimento privato, attraverso norme che agevolino la deducibilità fiscale dell’investimento in cultura. Tenterò di trovare un accordo con almeno altre quattro regioni disponibili a farsi promotrici di una legge nazionale su questo argomento”.

Il Festival of Festivals

Anche nel 2010 il congresso si conferma come punto di riferimento per tutti i professionisti degli eventi che vedono nei festival un importante settore di sviluppo economico e culturale del Paese. Ad oggi il congresso conta oltre 100 festival italiani patrocinati, una rete che fa dialogare e tiene informate tutte le realtà coinvolte. Oltre a incrementare la sua offerta in termini di programmazione e presenze al congresso, quest’anno Festival of Festivals si concentra sulla delicatissima situazione dei finanziamenti pubblici, ospitando una riunione plenaria tra operatori dei festival ed esperti di economia e legislazione della cultura.

Ciascuna giornata del congresso sarà dedicata agli incontri con interlocutori istituzionali: giovedì 4 novembre sarà il giorno delle Fondazioni bancarie; venerdì 5, in occasione del Business Day, i professionisti presenti potranno approfondire la propria conoscenza e i propri rapporti con le aziende partner degli eventi; mentre sabato 6 sarà la volta de Le Regioni dei Festival che, come da tradizione, porta al congresso gli assessorati alla cultura e al turismo delle regioni italiane per raccontare il loro ruolo nel supporto agli eventi culturali e quello dei festival come occasione di promozione e marketing territoriale.

Il programma prevede:

5 giornate di confronto: aggiornamento e formazione, per tutti gli operatori nazionali del settore eventi.

4 incontri istituzionali: i professionisti del settore presenti avranno l’occasione di assistere e confrontarsi con le linee guida di istituzioni e aziende in materia di eventi culturali.

12 panel di approfondimento: professionisti provenienti da diversi festival e realtà del settore eventi si confrontano, coordinati da un chairman, per incrociare i punti di vista sui temi caldi dell’eventizzazione.

65 workshop: incontri face to face tra 10 professionisti del settore che si confrontano su aspetti specifici dell’organizzazione degli eventi culturali secondo la propria esperienza.

Oltre 70 festival showcase: i festival hanno l’opportunità di presentare i loro programmi al pubblico e alla stampa. Venti minuti in cui ogni festival può esporre i propri obiettivi, temi e potenzialità, dando anche anticipazioni sulla successiva edizione. I Festival Showcase sono condotti da speaker radiofonici e registrati in podcast per la diffusione sul web.

Festival of Festivals proporrà inoltre 5 conferenze di presentazione dedicate a grandi eventi internazionalmente riconosciuti per l’eccellenza nella loro area tematica: Courmayeur Noir in Festival, Umbria Jazz, Festival Creatività di Firenze, Pergine Spettacolo Aperto.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013