Castelnuovo ne’ Monti: IAL Emilia Romagna presenta il suo “Laboratorio Appennino”




Lo sviluppo territoriale parte prima di tutto dalle persone, dalle loro competenze, dalla loro professionalità e dalla loro voglia di intraprendere ed innovare. È questa la filosofia che ha ispirato il progetto formativo “Laboratorio Appennino” finanziato dal Fondo Sociale Europeo ed approvato dalla Provincia di Reggio Emilia che verrà illustratoda IAL Emilia Romagna in un convegno pubblico che si terrà giovedì 1 aprile dalle ore 15,00 alle ore 17,00 a Castelnovo ne’ Monti presso la sede della Comunità Montana dell’Appennino Reggiano.

L’evento sarà l’occasione per illustrare obiettivi, contenuti, modalità di accesso e partecipazione alle attività formative ed anche sede di confronto con il tessuto socio-economico per la raccolta di fabbisogni ed esigenze specifiche. A tale proposito, oltre ai responsabili del progetto di IAL Emilia Romagna, interverranno all’incontro i rappresentanti del Parco Nazionale Tosco-Emiliano, GAL Antico Frignano Modena e Reggio Emilia, Comunità Montana dell’Appennino Reggiano.

“Laboratorio Appennino” – afferma Nazario Ferrari, coordinatore dell’Agenzia IAL di Reggio Emilia – nasce dalla convinzione la formazione possa essere una leva estremamente efficace per sostenere l’adattabilità dei lavoratori ai cambiamenti del mercato e dell’economia e al tempo stesso sia in grado di supportare e dare impulso allo sviluppo economico e sociale di un territorio . IAL Emilia Romagna da anni lavora sul tema dello sviluppo territoriale ed ha concentrato il suo interesse soprattutto sui territori montani della nostra Regione in quanto espressione di una potenzialità e di una vocazione marcata nel settore turistico”.

“Laboratorio Appennino” propone un’offerta formativa per i lavoratori e le imprese della montagna reggiana con l’obiettivo di qualificare l’offerta turistica del territorio, nella consapevolezza che non è sufficiente accrescere il livello qualitativo dell’ospitalità, della ristorazione, dei servizi di animazione, ma è strategico sviluppare la destinazione nel suo complesso, intendendo con il termine “destinazione” tutti servizi e le infrastrutture presenti sul territorio e che hanno una ricaduta diretta ed indiretta sul soggiorno dei turisti: trasporti, servizi assistenziali e sanitari, reti informatiche, attività commerciali, attività culturali, l’accessibilità ai beni storico-artistici, la presenza di strutture fieristico-congressuali, ecc.

Nel corso del 2010 è prevista la realizzazione di: 10 seminari di sensibilizzazione e informazione, 5 corsi di formazione, 20 percorsi di consulenza aziendale, 2 convegni (uno di presentazione e di lancio, l’altro al termine per diffondere i risultati raggiunti).

I temi dei corsi e dei seminari sono molteplici e riguarderanno la gastronomia e i prodotti tipici, il marketing e promo-commercializzazione dei prodotti turistici, il turismo culturale, la lingua inglese, la sostenibilità ambientale e sociale nell’ospitalità, la valorizzazione delle seconde case e del patrimonio urbano e rurale del territorio.

La formazione si pone dunque come un “laboratorio” per innescare, in tutto il sistema economico e territoriale, le energie per intraprendere iniziative di sviluppo il più possibile concertate e condivise.

Per avere informazioni sulla partecipazione alle attività formative è possibile visitare il sito web dedicato Laboratorio Appennino o contattare L’Agenzia formativa IAL di Reggio Emilia, tel. 0522 357500, e-mail.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013