A San Felice la 31/a Biennale d’Arte Roncaglia


Sono raccolte sotto il titolo “Il respiro dell’altro io” le opere degli artisti, italiani e stranieri, affermati ed emergenti, che da domenica 21 marzo daranno vita con installazioni, sculture e dipinti alla 31ª edizione della biennale d’arte contemporanea “Aldo Roncaglia” a San Felice sul Panaro. Oltre alla mostra principale allestita alla Rocca estense, che propone i lavori di 17 artisti tra i quali Mimmo Palladino, Nicola Samorì e Ugo Riva, la manifestazione, che durerà fino a domenica 18 aprile, propone anche altri eventi complementari: una retrospettiva dedicata a Georges Rouault, grande protagonista dell’arte e dell’incisione del Novecento nella trecentesca Torre Borgo; la seconda edizione di “Roncaglia under 25”, il concorso riservato ai giovani artisti sul tema “L’uomo-i cambiamenti”; una mostra collaterale di opere grafiche che sarà inaugurata a Modena, alla galleria Arte su Carte, sabato 27 marzo.

La Biennale d’arte Roncaglia, curata da Carla Molinari, è promossa dal Comune di San Felice con il contributo di San Felice 1893 Banca popolare e il patrocinio della Provincia di Modena. Le due mostre di San Felice sono aperte il venerdì, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 19,30; il sabato e la domenica dalle 10 alle 19,30. Il 5 aprile, lunedì di Pasqua, apertura straordinaria dalle 10 alle 19,30. Visite guidate sono in programma giovedì 25 marzo, alle ore 21 nelle sale della Rocca Estense; giovedì 8 aprile, alle ore 21, alla retrospettiva di Rouault alla Torre Borgo. La biennale è accompagnata da un catalogo introdotto da un testo critico di Stefano Castelli. Informazioni: tel. 0535 86320; www.biennaleroncaglia.it.

Un’attenzione particolare è dedicata dalla Biennale alla didattica: agli studenti sono infatti proposte visite guidate seguite da un’esperienza laboratoriale nella quale i ragazzi saranno invitati ad approfondire le poetiche alla base delle diverse opere e a realizzare un elaborato che, durante l’ultimo weekend di apertura, diventerà parte integrante della mostra. Oltre che alle scuole, i laboratori sono aperti anche alla libera utenza giovedì 8 aprile, dalle 17 alle 18, per bambini dai 6 agli 8 anni, e giovedì 15 aprile, dalle 17 alle 18, per bambini dai 9 agli 11 anni.

Retrospettiva dedicata all’opera grafica di Georges Rouault

Parte integrante della 31ª edizione della Biennale Roncaglia è la retrospettiva dedicata all’opera grafica di Georges Rouault, artista francese autore di cicli incisori tra i più significativi del secolo scorso, allestita nella trecentesca Torre Borgo.

La mostra propone la serie completa della “Édition miniature” della saga dedicata al mitico personaggio di Ubu che l’artista realizzò per conto di Ambroise Vollard con cui lavorò dal 1919 al 1939. In esposizione anche una selezione dei fogli del “Miserere”, capolavoro a cui Rouault si dedica dal 1914 al 1927, costituito da 58 incisioni nelle quali il tema della guerra e quello religioso si fondono in una metafora della condizione umana. A completare l’allestimento, fogli della produzione successiva a partire dalla litografia “Autoportrait” e dal ritratto del poeta Charles Baudelaire, per arrivare ad alcuni fogli a colori su temi ricorrenti nella poetica dell’artista come il circo. Summa ideale del lavoro di Rouault, “La baie des trépassés”, drammatica acquaforte a colori di grandi dimensioni, conclude il percorso nell’opera dell’artista.