Confesercenti Formigine: “La sicurezza non va delegata ai cittadini; serve un organico di forze dell’ordine adeguato”




confesercenti“Un gesto dettato dall’esasperazione, ma senza alcun dubbio da respingere con fermezza. Ogni tentativo di farsi giustizia da soli non solo è sbagliato, ma può evolvere in situazioni di ulteriore pericolo per le stesse vittime dei reati.

Il grave episodio indica però ancora una volta il preoccupante avanzare di una situazione di insicurezza anche nel nostro Comune. Riteniamo sia doveroso garantire nei confronti di chi abita e soprattutto di chi lavora in centro storico, il diritto ad essere tutelali e difesi nell’esercizio delle loro attività. È l’opinione di Confesercenti Formigine che aggiunge: “La sicurezza è un compito delle forze dell’ordine. Per questo occorre un organico di agenti adeguato a quelle che sono le reali necessità del territorio comunale”.

“L’episodio di via Mazzini è la dimostrazione di come i commercianti siano ogni giorno bersaglio di malviventi privi di scrupoli: rischio che aumenta per altro in maniera esponenziale di notte. Una situazione che costringe gli operatori e i titolari di esercizi commerciali ad esercitare la loro attività con sempre maggiori preoccupazioni. Partendo dal presupposto che la sicurezza riguarda tutti, come già sostenuto in passato siamo a ribadire l’esigenza di un presidio constante di tutto il territorio comunale e ampliato all’arco delle 24 ore, a maggior ragione in quelle in cui l’esposizione ai furti è più alta. Il presidio dovrebbe essere garantito da un organico di forze dell’ordine adeguato alle reali esigenze del territorio formiginese ed integrato con misure preventive quali la video sorveglianza – sostiene Confesercenti che andrebbe estesa oltre al centro storico anche alle altre zone del comune – e la figura del vigile di quartiere, fondamentale contro degrado e criminalità”.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013