Ospedale_cartello

Si è svolto, presso il Comune di Finale Emilia, un incontro tra la direzione generale dell’Ausl provinciale, i dipendenti dell’ospedale e il sindaco Raimondo Soragni che ha sancito il rilancio del nosocomio finalese. All’incontro era presente anche il consigliere comunale con delega alla Sanità e componente della Commissione Sanità in Area Nord, Mohamad Malak. In paese si era diffusa la voce di una possibile chiusura della struttura, in particolare per la sospensione del servizio di Day-Surgery per sei venerdì consecutivi, a causa dell’assenza di un anestesista.

Nell’incontro, invece, il direttore generale dell’Ausl, Giuseppe Caroli ha anticipato agli operatori ospedalieri le strategie future: dal 2 gennaio sarà operativo a tempo pieno un anestesista che garantirà il funzionamento delle due sale operatorie a pieno regime. Gli interventi in Day-Hospital si terranno dal lunedì al venerdì e saranno affidati a chirurghi già impegnati negli ospedali di Mirandola e Carpi. Inoltre, la Regione ha dato il via libera a un investimento infrastrutturale di 2,7 milioni di euro per migliorie alla struttura.

“Sono molto soddisfatto – spiega il sindaco Soragni – credo che le parole del dottor Caroli siano un bel segnale per smentire le voci di chiusura dell’ospedale che, invece, tornerà a funzionare a pieni ritmi, con il Day-Surgery potenziato. Nel frattempo vorrei portare il mio personale ringraziamento al dottor Bruno Cavallari che andrà in pensione e che ha garantito, in questi anni, il perfetto funzionamento del reparto”.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013