Due notizie dal Consiglio comunale carpigiano


politica2Il Consiglio comunale di Carpi di giovedì 24 settembre aveva all’ordine del giorno anche la revisione allo Statuto dell’Unione delle Terre d’argine. Il Direttore Generale Giordano Corradini ha presentato la proposta di delibera, che riguardava numerosi articoli del documento, in particolare il fatto che nella Giunta siedano solo i Sindaci, il riordino territoriale e l’evoluzione futura dei servizi sociosanitari come materie oggetto delle decisioni dell’ente stesso, e le relative variazioni poste all’attenzione dell’aula. Il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Taurasi ha poi ricordato l’ordine del giorno presentato a suo tempo dalla Lega nord e che domandava di stralciare da questa delibera l’articolo 19, relativo alla possibilità di dare rappresentanza a tutti i gruppi di maggioranza e minoranza all’interno del Consiglio dell’ente (ora il rapporto è di 11 a 4). Taurasi ha in poche parole riassunto l’iter di questo atto, di cui si è discusso nel corso di una riunione dei Capigruppo il 14 settembre scorso ma senza che si riuscisse a garantirgli un ok da parte di un numero qualificato di consiglieri (se approvato la maggioranza passerebbe a 10 su 15, con la dimissione di due membri di Pd e Pdl entrerebbero nell’Unione così anche Apc e Lista 5 Stelle). Anche una successiva proposta di Lega nord e Pdl (che prevedeva di fare diventare questi numeri rispettivamente 9 e 6) non è passata. Ha trovato invece in questa sede l’ok di 4 gruppi su 6 per un totale di 28 consiglieri (contrari solo ApC e Lista civica Carpi a 5 Stelle-Prc-beppegrillo.it) la richiesta proprio di stralciare l’articolo 19 per verificare da qui alla fine della legislatura la possibilità di riscuotere ancora più consensi su questa modifica statutaria.

Si è aperto poi un ampio dibattito inaugurato dal consigliere Paluan (Lista civica Carpi a 5 Stelle-Prc-BeppeGrillo.it), che ha sottolineato di avere accettato la mediazione del Presidente del Consiglio per arrivare ad una soluzione che riconoscesse il principio di rappresentanza, “in quanto ora ben il 14% dell’elettorato carpigiano non viene rappresentato dal Consiglio dell’Unione, ente sempre più importante. Non vediamo conversioni di Pd e Pdl in un senso o in un altro, questo è un vulnus istituzionale: uscirò dall’aula al momento del voto e lo farò anche in futuro quando verranno trattati in aula punti di competenza dell’Unione”. Giliola Pivetti (ApC) ha parlato di “un’operazione pilatesca, una pagina non bella” riferendosi a quanto si stava decidendo in aula su questo argomento, ovvero la dilazione del tema a tempi futuri. Argio Alboresi (capogruppo di Lega nord Padania) invece ha sottolineato come una proposta di un Consiglio composto da 9 consiglieri di maggioranza e 6 di opposizione avrebbe dovuto essere accettata dal Pd “che dovrebbe fidarsi dei cittadini e dei rappresentanti degli altri comuni; mentre un rapporto 11 a 4 o anche 10 a 5 non dimostra ciò. E non ce l’ho con Pivetti”. E se Roberto Benatti (Pdl) ha esordito chiedendosi chi rappresentino davvero politicamente i consiglieri dell’Unione affermando poi “che il rapporto 10 a 5 non si spiega” l’esponente del Popolo delle Libertà si è detto favorevole a presentare le interrogazioni dei due gruppi consiliari carpigiani non rappresentati nel consesso dell’Unione al Presidente Cavazzuti. Davide Dalle Ave (Pd) ha invece ricordato come la proposta di un rapporto 9 a 6 avrebbe fatto cadere il principio di governabilità dell’Unione e che l’unico gruppo disposto a cedere un suo rappresentante alle minoranze “è stato quello del Pd. C’è stata una mancanza di condivisione da parte dei gruppi di minoranza: siamo disponibili a riaprire una riflessione sul tema sperando di arrivare ad una sintesi più ampia”. Roberto Andreoli (capogruppo Pdl) ha infine chiuso gli interventi ricordando che il criterio che vede 15 dei 30 consiglieri dell’Unione nominati dal Consiglio comunale di Carpi “non è fondamentale anche se legittimo, va legato alle contingenze a seconda delle dinamiche politiche. Meglio tenere l’attuale criterio 10 e 5, anche se avremmo fatto meglio a chiedere una divisione 9 a 6 al momento della presentazione dell’ordine del giorno, piuttosto che un compromesso al ribasso”.

La revisione allo Statuto dell’Unione delle Terre d’argine è stata alfine approvata da tutti i gruppi presenti in aula meno l’ApC: uscito dall’aula il consigliere Paluan.

***

La Presidenza del Consiglio comunale di Carpi ha promosso per il mese di ottobre tre appuntamenti destinati ai nuovi consiglieri, per aiutarli a conoscere meglio il funzionamento dell’ente locale e ad approfondire gli strumenti a loro disposizione in modo da svolgere appieno il mandato (nonché offrire ai consiglieri con maggiore esperienza un’opportunità di aggiornamento). Gli incontri, estesi anche agli assessori comunali e ai consiglieri dell’Unione Terre d’argine come concordato con il Presidente del Consiglio dell’Unione, si terranno presso la Sala del Consiglio comunale di Carpi e prevedono il seguente calendario:

Sabato 3 ottobre, ore 9.30. Procedure e atti amministrativi di competenza del Consiglio comunale. Interviene il Segretario generale del Comune di Carpi, Giorgio Masini

Sabato 17 ottobre, ore 10. Struttura e lettura del bilancio, attività di programmazione e gestione del Bilancio pluriennale: competenze del Consiglio comunale. Intervengono il Presidente del Collegio dei revisori del Comune di Carpi, Giovanni Ravelli, e la dirigente del Settore Bilancio e Programmazione Finanziaria, Patrizia Mantovani

Sabato 31 ottobre, ore 10. Territorio e Pianificazione Territoriale – Opere pubbliche. Interviene il dirigente del Settore Lavori pubblici-Infrastrutture e Patrimonio-Pianificazione Urbanistica-Edilizia privata Norberto Carboni.