Arriva il Viagra anche per lei


Un altro punto a favore della parità tra i sessi: si chiama Viacrème, ed è per le donne ciò che il Viagra è per gli uomini. Ma a differenza della celebre pillola blu, non si tratta di un farmaco bensì di un cosmetico che però promette gli stessi risultati, e cioè di spianare la strada al raggiungimento del piacere.

Si presenta sotto forma di un gel da applicare sul clitoride prima del rapporto sessuale e secondo i suoi ideatori e sostenitori si tratta di un prodotto naturale composto da L-Arginina (acido nitrico), mentolo, aloe, retenyl, D-alfa tocoferolo (per conservare l’elasticità della mucosa) e cymbopogon (per trasportare l’ossigeno).

Un mix di sostanze che agendo localmente sul clitoride dovrebbe aumentarne la sensibilità, allo scopo di trattare il cosiddetto “Female Sexual Arousal Disorder (FSAD)”, ovvero la difficoltà di raggiungere l’orgasmo che affligge molte donne.

Negli Stati Uniti, dove è stata ideato, Viacrème è già un successo; ora si appresta a sbarcare in Europa (in Gran Bretagna è già arrivato, ma a dire il vero non ha destato grande scalpore), dove una piccola società belga – la Libre Belgique – ha acquistato il brevetto americano e si appresta a immetterlo sul mercato. Il lancio è previsto per San Valentino e sarà in grande stile: verrà inserito un campione gratuito delle “pomata dell’amore” all’interno di un periodico femminile e a quel punto – dicono alla Libre Belgique – il successo sarà assicurato. O almeno così si augurano i suoi dirigenti che hanno già fissato il prezzo a 34, 71 euro per quattro astucci monodose da due millilitri ciascuno (calcolata al litro si tratta di una cifra impressionante: 4.338, 14 euro) che saranno in vendita un po’ ovunque: dagli istituti di bellezza ai supermercati.