La Municipale sassolese sequestra rifiuti tossici e pericolosi



Centoventi contenitori di rifiuti speciali, tossici e pericolosi, sequestrati dalla Polizia Municipale di Sassuolo. Un’indagine iniziata il 14 gennaio scorso quando, personale della Polizia Municipale, ha rinvenuto un ingente quantità di rifiuti speciali tra cui smalti, vernici, solventi e lana di vetro, all’interno di contenitori di plastica e metallo abbandonati in un terreno in prossimità dell’isola ecologica di via Regina Pacis e, in parte, depositati all’interno dell’alveo del torrente Fossa.

Attraverso una scrupolosa ed accurata attività d’indagine, gli agenti della Municipale sono riusciti a risalire ad un’azienda di Fiorano, operante nel settore ceramico, quale utilizzatrice dei materiali che però, come poi accertato dagli agenti, attraverso un’attività di compravendita ed occultamento tra soggetti economici diversi, erano passati di proprietà diverse volte tra varie aziende.

Tramite un incrocio di dati ed informazioni acquisite, la Polizia Municipale di Sassuolo è riuscita ad individuare quattro persone che, con varie responsabilità, avevano permesso l’abbandono dei rifiuti pericolosi sia nel terreno vicino alla discarica che nell’alveo del torrente Fossa, identificando anche l’autore materiale dell’abbandono.

A conclusione delle indagini, durate più di un mese, la Polizia Municipale ha provveduto a denunciare i quattro soggetti alla Procura della Repubblica di Modena per il reato di gestione e deposito non autorizzato di rifiuti pericolosi.

I centoventi contenitori di rifiuti tossici e pericolosi sono stati rimossi e smaltiti da Hera che, ora, procederà nei confronti delle persone responsabili per il rimborso delle spese sostenute per il recupero e lo smaltimento.