Pistoni: “Ho deciso di dare la mia disponibilita’ alla ricandidatura a sindaco di Sassuolo”

Offrire continuità con l’enorme lavoro svolto in questi anni e nobilitare un percorso intrapreso assieme ai colleghi di Giunta e del gruppo consiliare tra mille difficoltà e che sta portando ad una nuova visione di Sassuolo, ma che ha bisogno di esperienza e competenza per poter essere definitivamente traghettato fuori da un periodo di crisi che mai, come negli ultimi anni, la nostra città ha attraversato.

E’ con questo spirito e per queste motivazioni che ho deciso di dare la mia disponibilità alla ricandidatura a Sindaco di Sassuolo nelle prossime elezioni Amministrative in programma a Maggio, nonostante nel 2014, avessi preso l’impegno famigliare di portare a termine un solo mandato.

Quando siamo arrivati, cinque anni fa, la città era in una situazione non più sostenibile. 102 milioni di euro di debito, che a fine 2019 saranno circa 60, un concordato di Sgp da approvare in pochi giorni e poi da modificare per essere reso attuabile, evitando il tracollo delle finanze pubbliche e, quindi, dell’intera città. Manutenzioni totalmente ferme da cinque anni, dalle potature agli asfalti fino alla segnaletica, una struttura comunale ingessata e priva di figure indispensabili.

Grazie all’enorme lavoro svolto dalla struttura comunale e con l’indispensabile contributo delle Associazioni, dei privati che hanno deciso di collaborare, di tutti coloro che con orgoglio rivendicano il loro essere parte integrante di una città, come Sassuolo, che ha gli strumenti morali e materiali per essere da traino all’intera provincia di Modena, le condizioni sono cambiate.

Dopo i primi tre anni in cui le difficoltà di bilancio ed organizzative hanno tenuto in scacco la maggior parte degli interventi necessari, nell’ultimo anno e mezzo stiamo rapidamente recuperando terreno, trasformando la nostra Sassuolo in una città proiettata verso il futuro. Una città in movimento, dal punto di vista economico, sociale, sanitario, con elementi d’orgoglio che vanno dallo sport ad un palazzo Ducale diventato Polo Museale Nazionale passando attraverso quella meravigliosa rete di associazioni che, grazie al loro lavoro volontario, impreziosiscono la nostra città come poche altre realtà in Italia riuscendo a sopperire anche alle lacune del pubblico e del privato.

Portare a termine il lavoro iniziato in questo mandato amministrativo nella visione di una nuova Sassuolo legata alla propria storie ed alle proprie tradizioni ma proiettata ad approfittare di quelle opportunità che il futuro le offre ed a crearne essa stessa di nuove: con questo spirito e verso chi condivide questo programma offro la mia disponibilità alla candidatura