Sarà una grande festa sabato 24 marzo, tra Botteghe e Albinea, per il 73esimo anniversario dell’”Operazione Tombola”, l’assalto al comando tedesco della Linea Gotica occidentale, portato a termine la notte del 27 marzo 1945 dai paracadutisti inglesi del 2nd SAS insieme a partigiani italiani e russi. Il Comune, in collaborazione con il comitato Gemellaggi Pace e Diritti Umani e la sezione locale dell’Anpi, organizza una giornata per celebrare il fatto d’armi. Durante l’iniziativa sarà presente una delegazione del distretto berlinese di Treptow-Koepenick, con cui Albinea è gemellato da ben 21 anni.

Ospite d’onore dell’edizione 2018 della commorazione sarà Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Alcide Cervi. Parteciperanno, insieme alle autorità, la staffetta partigiana Giovanna Quadreri “Libertà” e Livio Piccinini “Delinger”: entrambi protagonisti dell’attacco al quartier generale tedesco e insigniti, nel 2017, della cittadinanza onoraria di Albinea.

La celebrazione 2018 sarà anche l’occasione per ricordare una pagina oscura della nostra storia. Ricorre infatti quest’anno l’80° anniversario della promulgazione delle Leggi Razziali, emanate dal regime fascista. Per ribadire l’importanza di plasmare una società che accoglie e non discrimina, saliranno sul palco Soulaymane Kante e Sylvanus Goba, due dei richiedenti asilo ospitati ad Albinea, che prestano servizio nelle associazioni di volontariato del comune. Il loro intervento si concretizzerà in un saluto e una breve testimonianza.

Il programma delle celebrazioni inizierà alle 9 in piazza “Caduti alleati di villa Rossi e villa Calvi”, a Botteghe, con la deposizione della corona di fiori al monumento “Mai più”. Poi il corteo, preceduto dal corpo bandistico di Albinea e dal suono delle cornamuse, si trasferirà a villa Rossi per deporre una corona sulla lapide che ricorda i tre paracadutisti inglesi uccisi dai tedeschi durante l’attacco del 1945: il tenente Riccomini, il sergente Guscott e il caporale Bolden. Alle 9,15 ci sarà un momento di preghiera con don Luigi Lodesani.

Alle 9,30 spetterà ai sindaci di Albinea e Treptow-Koepenick, Nico Giberti e Oliver Igel, portare il saluto agli intervenuti. A seguire ci sarà il saluto dei richiedenti asilo e l’intervento di Albertina Soliani.

Alle 11, dopo il saluto della professoressa Antonella Cattani, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Albinea, spazio a “La pace e la strada. Inno all’Europa senza barriere” a cura dei bambini e delle bambine delle classi quinte delle scuole primarie “Anna Frank” di Borzano e Renzo Pezzani di Albinea Fola.

Alle 11.30 ci si sposterà nell’atrio della scuola primaria Renzo Pezzani (Via Caduti della Libertà) per “Muri innalzati, che separano” e “Muri abbattuti che uniscono”: percorsi, riflessioni e artefatti laboratoriali a fondale del “pezzo” di muro di Berlino in un allestimento promosso dall’Istituto comprensivo e dalla scuola materna Fism “Don Bosco”

La sera, con partenza alle 20.30 da piazza Caduti Alleati di Villa Rossi, “Sentieri partigiani”: camminata storica sul tragitto Vendina-Botteghe di 4 chilometri. Il rientro è previsto alle 22.30 circa.

La camminata ripercorrerà, con tanto di fiaccole, i sentieri attraversati dai partigiani nella notte tra il 26 e il 27 marzo, attraverso i quali si arrivò a dare l’assalto al quartier generale della quinta sezione della Armata tedesca e del 51 Gebirgs Korps.

Le celebrazioni si concluderanno con un momento istituzionale domenica 25 marzo. Alle 9.30 si terrà un consiglio comunale aperto alla cittadinanza al quale parteciperà la delegazione di Treptow-Köpenick e interverrà lo scrittore Antonio Luna, autore del romanzo “Le tre verità”.

Durante la seduta sarà presentato un video, curato dal Comitato Gemellaggi Pace e Diritti umani e dal coordinamento Cep, e realizzato dai ragazzi e le ragazze del Centro educativo pomeridiano nell’ambito del progetto interdisciplinare in collaborazione con l’istituto comprensivo di Albinea e Borzano.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013