martedì, 16 Luglio 2024
13 C
Comune di Sassuolo
HomeEconomia‘Romagna mia’, al via il Servizio civile straordinario voluto dalla Regione per...





‘Romagna mia’, al via il Servizio civile straordinario voluto dalla Regione per sostenere i territori alluvionati

Previsione dei rischi e gestione delle emergenze di protezione civile. Campagne di comunicazione per la promozione di stili di vita all’insegna della sostenibilità e del risparmio energetico. Tutela del patrimonio storico, artistico e culturale. Assistenza alle persone anziane o con disabilità e alle donne in difficoltà o con minori a carico.

Sono alcune delle attività nelle quali potranno impegnarsi i 70 ragazzi e ragazze dai 18 ai 29 anni ai quali la Regione Emilia-Romagna offre la possibilità di svolgere un periodo di Servizio civile regionale di carattere straordinario, che non a caso si chiama ‘Romagna mia’, con l’obiettivo di offrire un supporto ai Comuni e alle popolazioni colpite dall’alluvione del maggio scorso.

Un evento che ha causato la tragica morte di 17 persone, 36.000 sfollati, oltre a provocare 60.000 frane, allagare interi quartieri, mandare sott’acqua quasi 80mila ettari di terreni agricoli. Per una conta finale dei danni stimati in 8,5 miliardi di euro.

Proprio per dare un ulteriore sostegno a un territorio così fortemente provato, la Regione, tramite un finanziamento di 220mila deciso dalla Giunta, ha previsto un avviso interprovinciale supplementare per il Servizio civile regionale, che si va ad aggiungere a quello ordinario pubblicato lo scorso giugno.  70 i posti disponibili, di cui 16 in provincia di Ravenna (interessati 4 Comuni) e 54 in provincia di Forlì-Cesena (10 Comuni), v. allegato.

C’è tempo fino alle ore 23.59 del 2 gennaio 2024 per fare domanda, esclusivamente on line, attraverso la piattaforma HeliosERGiovani https://dol-er.regione.emilia-romagna.it/, che per la prima volta viene impiegata nel Servizio civile regionale dell’Emilia-Romagna.  Sul sito della Regione https://sociale.regione.emilia-romagna.it/servizio-civile/avvisi/dol-er-documenti-avvisi/pubblicati-gli-avvisi-del-servizio-civile-regionale tutte le informazioni utili e il testo dell’Avviso interprovinciale.

“Come la Regione fece in occasione del terremoto del 2012- ricorda l’assessore al Welfare e alle Politiche giovanili, Igor Taruffi- anche in questo caso abbiamo pensato ad un Servizio civile regionale straordinario in cui ragazze e ragazzi, che peraltro sono stati tra i primi a prestare aiuto allora come oggi, possono mettersi in gioco e aiutare territori e popolazioni così duramente colpiti. È un’esperienza di grande valore sociale e formativo, che può rappresentare un’importante occasione di crescita personale e di servizio, soprattutto pensando ai giovani che non sono attualmente impegnati nel lavoro o nello studio o che risiedono in aree svantaggiate, con minori opportunità lavorative. Un progetto- chiude Taruffi- che vede la luce anche grazie all’impegno e alla collaborazione con altri enti pubblici e organizzazioni non profit, a cui va il nostro grazie”.

Dei 70 posti previsti nell’avviso pubblicato sul sito della Regione, 13 sono riservati ai giovani con minori opportunità, categoria che comprende i Neet, ovvero i ragazzi e le ragazze che non lavorano e non studiano, quelli con un titolo di studio inferiore al diploma di scuola secondaria di secondo grado oppure residenti o domiciliati in zone di montagna o interne.

Titolare del progetto è il Comune di Forlì, ma complessivamente sono coinvolti altri sei enti pubblici e organizzazioni non profit: Arci Servizio Civile Cesena, Arci Servizio Civile Ravenna, Comune di Ravenna, Consorzio Solidarietà Sociale di Forlì-Cesena, Unione dei Comuni della Romagna Faentina e l’organizzazione Volontaromagna ODV.  Ciascuno ha messo a disposizione un certo numero di posti presso Comuni, associazioni di volontariato e coop sociali, per lo svolgimento di attività che spaziano dalla difesa dell’ambiente alla tutela del patrimonio artistico, dall’assistenza alle persone con fragilità agli interventi di protezione civile. La presenza dei Coordinamenti provinciali degli Enti di Servizio Civile -Co.Pr.E.S.C. di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini, da quest’anno aggregati operativamente tra loro, garantirà anche in questa circostanza il necessario supporto per un’esaustiva esperienza di servizio civile.

Come funziona  

I ragazzi e le ragazze che aderiranno al Servizio civile regionale straordinario dovranno impegnarsi per sette mesi (dal 1^ febbraio al 31 agosto 2024) nell’attività scelta e svolgere il servizio civile per 80 ore mensili, in media 20 ore alla settimana spalmate su 4 giorni, con un margine di flessibilità che va da un minimo di 12 ad un massimo di 27 ore settimanali.

Per questa opportunità, la Giunta regionale ha approvato un incremento di circa 34 euro dell’assegno mensile del servizio civile regionale riconosciuto ai partecipanti, che si assesta esattamente a 440,10 euro; l’obiettivo è incentivare l’adesione dei giovani che potrebbero trovarsi in situazione di difficoltà economica, oppure risiedere in comuni diversi da quelli coinvolti nell’iniziativa straordinaria.

Uno speciale sul Servizio civile

Per mostrare tutte le opportunità legate al Servizio civile (regionale ed universale), l’Agenzia di Informazione e Comunicazione della Giunta lo scorso marzo ha realizzato uno speciale disponibile sul sito della Regione a questo link https://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/approfondimenti/2023/marzo/come-funziona-il-servizio-civile-oggi

















Ultime notizie