lunedì, 27 Maggio 2024
13 C
Comune di Sassuolo
HomeReggio EmiliaVisita delle osservatrici dell'Associazione Antigone Emilia Romagna presso il carcere di Reggio...


PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO


Visita delle osservatrici dell’Associazione Antigone Emilia Romagna presso il carcere di Reggio Emilia

A seguito della visita effettuata nella giornata di ieri presso il carcere di Reggio Emilia, le osservatrici dell’Associazione Antigone Emilia Romagna hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“Il 7 giugno siamo state in visita all’istituto penitenziario di Reggio Emilia, che è sia casa circondariale che casa di reclusione.

Al momento della visita, sono presenti 368 persone detenute (a fronte di una capienza regolamentare di 292 posti). I condannati in via definitiva sono 285 e gli stranieri presenti sono 201 (dato che supera il 50% delle presenze).

Si tratta di un istituto particolarmente complesso, caratterizzato da una significativa circuitazione, che comprende l’articolazione per la tutela della salute mentale – ATSM (l’unica in Emilia-Romagna dedicata agli uomini, con 43 presenze su 45 posti disponibili), la sezione “Orione” per persone transgender (unica in Emilia-Romagna, che ospita attualmente 10 detenute) e un reparto femminile suddiviso a sua volta in una sezione per detenute comuni e una sezione “Z” per congiunte di collaboratori di giustizia, che al momento della visita ospitano rispettivamente 9 e 2 persone. 

Sono stati avviati i lavori di ristrutturazione per far fronte ai gravi problemi d’infiltrazione, già rilevati in passato, che ancora compromettono pesantemente la salubrità degli ambienti: tutti i locali delle docce visitati, la gran parte delle sale della socialità e diverse celle presentano muffe diffuse su soffitto e i pavimenti, muri scrostati e pozze d’acqua. Una cella della casa circondariale, in particolare, posta accanto ai locali doccia si presenta allagata e con il muro e il materasso bagnati. Diversi spazi comuni interni, inoltre, si caratterizzano, in special modo nelle sezioni della casa circondariale, per incuria e sporcizia (con cumuli di immondizia abbandonati); d’altra parte l’area verde esterna appare molto curata, così come i laboratori per le attività e le lavorazioni.

Abbiamo visitato la sezione oggi dedicata all’isolamento, appena riaperta dopo i lavori di ristrutturazione. I locali, appena ritinteggiati, al momento della visita ospitano tre detenuti: un detenuto sottoposto a provvedimento disciplinare, un detenuto appena dimesso dall’ospedale all’esito di un serio intervento chirurgico e un altro detenuto incaricato di assisterlo.

Nella sezione destinata ai nuovi giunti – dove le persone sono ristrette in celle singole e sottoposte a un regime di sorveglianza chiuso – al momento della visita si trovano anche detenuti comuni, lì allocati per ragioni comportamentali pur in assenza di provvedimenti disciplinari di isolamento.

Segnaliamo che nella sezione ATSM sono attualmente ristretti due pazienti in attesa di un posto in REMS, detenuti sine titulo rispettivamente dal novembre 2021 e dal marzo 2023.  

In linea con l’orientamento regionale, quest’anno si registra una significativa flessione del numero dei Trattamenti Sanitari Obbligatori (extra ospedalieri): se nel 2021 sono stati effettuati 24 Tso e nel 2022 18 Tso, nella prima metà del 2023 sono stati soltanto 2. 

Le donne e le persone transgender, a causa del numero esiguo, vivono in una condizione di sostanziale isolamento: mancano, oltre agli spazi per svolgere attività trattamentali, anche risorse investite in corsi di istruzione (non presenti), formazione professionale e lavoro”.

 

Il prossimo 29 giugno, a Bologna presso la Sala Marco Biagi, l’Associazione presenterà il XIX Rapporto di Antigone nazionale e il Secondo Rapporto regionale sulle condizioni di detenzione.

 

PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO















PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO

Ultime notizie