lunedì, 22 Aprile 2024
13 C
Comune di Sassuolo
HomeBassa reggiana“Il lavoro nero è un virus”. La Cisl dopo il caso in...





“Il lavoro nero è un virus”. La Cisl dopo il caso in edilizia a Guastalla

“Il contrasto al lavoro nero in edilizia, così come in molti altri settori, è a tutela della sicurezza e la dignità dei lavoratori”. Ad affermarlo è la Cisl Emilia Centrale, per voce del segretario generale aggiunto Domenico Chiatto dopo che un recente blitz dei carabinieri di Guastalla e dell’ispettorato del lavoro di Reggio ha portato alla denuncia di un imprenditore nella Bassa per avere utilizzato in un cantiere edile il 40% (due su cinque) di operai senza contratto.

“È proprio grazie alla formazione del personale regolarmente assunto – afferma Chiatto – che è possibile prevenire gli infortuni sul lavoro, un virus che va estirpato. Va anche ribadito – prosegue Chiatto – che tutto ciò crea anche concorrenza sleale, perché dietro all’abbassamento dei prezzi si possono nascondere diversi fenomeni che vanno monitorati”.

“Sono ancora troppi – aggiunge Aziz Sadid, responsabile Cisl Emilia Centrale della Bassa – 9.623 gli infortuni denunciati a Reggio Emilia lo scorso anno, con un aumento annuo del 5%. Le vittime, nel 2022, sono state 3. Auspichiamo più interventi ispettivi che permettano di smantellare le aziende che fanno ricorrono al lavoro nero. Invitiamo tutti i lavoratori e le lavoratrici a rifiutare offerte di lavoro non regolarizzato e a segnalare alle autorità competenti casi sospetti. Ne va della sicurezza delle persone”.
















Ultime notizie