giovedì, 30 Maggio 2024
13 C
Comune di Sassuolo
HomeBassa reggianaBotte e minacce alla moglie invalida: sentenza esecutiva, arrestato dai carabinieri di...


PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO


Botte e minacce alla moglie invalida: sentenza esecutiva, arrestato dai carabinieri di Novellara

Ha sottoposto la compagna a gravi episodi di violenze sia psichiche che fisiche in conseguenza delle quali la donna, che per anni ha subito in silenzio tali angherie, in occasione degli ultimi episodi consumati nell’estate del 2020 in provincia di Macerata, ha trovato il coraggio e la forza di rivolgersi ai carabinieri, raccontando i maltrattamenti subiti, peraltro aggravati in quanto compiuti ai danni di una donna invalida.

Per questi gravi fatti rientranti nel cosiddetto codice rosso l’uomo, un 52enne residente in un comune della bassa reggiana, in prima battuta è stato sottoposto alla misura cautelare dell’allentamento dal domicilio familiare, con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna. Quindi l’iter processuale al termine del quale, nel dicembre 2020 il GUP presso il Tribunale ordinario di Macerata condannava l’uomo a 2 anni e 8 mesi di reclusione. La sentenza, confermata nel mese di maggio del 2022 dalla Corte d’Appello di Ancona, è divenuta definitiva il 13 febbraio 2023 avendo la Corte Suprema di Cassazione dichiarato inammissibile il ricorso. L’esecutività della sentenza di condanna ha visto l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura di Macerata emettere a carico del 52enne l’ordine di carcerazione che è stato trasmesso ai carabinieri di Novellara per l’esecuzione. I militari ricevuto il provvedimento rintracciavano l’uomo che condotto in caserma al termine delle formalità di rito veniva tradotto in carcere per l’espiazione della pena.

La coppia, connivente nel reggiano, si era trasferita in provincia di Macerata dove le condotte maltrattanti, secondo quanto emerso nel corso delle indagini, si sono acuite per futili motivi legati a gelosie per i rapporti della donna con i suoi familiari o alla semplice volontà di voler prevaricare sulla stessa. Non solo gravi minacce, quali quella di volerla ricondurre nel reggiano dove l’avrebbe incatenata e fatta morire, ma anche e soprattutto violenze fisiche con pugni, schiaffi calci sino ad arrivare in una circostanza a lanciare contro la donna la cassettiera del bagno colpendola alle spalle.

 

PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO















PUBBLICITA' ELETTORALE A PAGAMENTO

Ultime notizie