foto Paolo Righi

Riorganizzazione in corso nella programmazione delle vaccinazioni sul territorio provinciale: per consentire il costante aumento della somministrazione delle prime dosi ai tanti cittadini modenesi che hanno prenotato, e contemporaneamente far fronte ai ritardi e ai mancati aumenti nel numero di dosi di vaccini in arrivo – inizialmente previsti nella seconda metà di aprile – l’Azienda USL ha dovuto rivedere la propria programmazione posticipando, seppure solo di alcuni giorni, circa 5.000 appuntamenti per la somministrazione della seconda dose del vaccino Pfizer, che erano fissati presso i punti vaccinali del territorio provinciale.

Il nuovo appuntamento, riprogrammato nell’arco di alcuni giorni, rientra comunque sempre nel limite dei 28 giorni previsto per questo vaccino, tenuto conto inoltre che la Commissione tecnico scientifica dell’Aifa ha emesso un comunicato che prevede la possibilità di completare il ciclo con i vaccini a mRNA in modo sicuro fino al 42esimo giorno. Sarà cura dell’Azienda USL di Modena contattare i cittadini interessati tramite sms e telefonata per informarli del nuovo appuntamento.

“In queste settimane abbiamo vaccinato il più possibile – dichiara Silvana Borsari, responsabile del piano vaccinale provinciale – e reso prenotabile un numero molto alto di appuntamenti per le diverse fasce d’età e categorie di rischio, nel rispetto delle indicazioni d’uso per ciascun vaccino, facendo quotidianamente i conti con la diminuzione delle dosi previste. Ciononostante, come dimostrano i dati, abbiamo continuato l’attività sui punti vaccinali – ieri oltre 4mila dosi somministrate – per garantire l’entrata nel piano vaccinale del maggior numero di cittadini modenesi. Chiediamo scusa per il disagio arrecato a coloro che hanno avuto l’appuntamento posticipato, ma voglio assolutamente rassicurare che sarà loro somministrata la seconda dose nei tempi che garantiscono la sicurezza ed efficacia del vaccino”.

 



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013