Luppi e Genedani (Lapam) su Bretella, Cispadana ed autotrasporto




“Il Decreto Semplificazione farà (speriamo davvero…) sbloccare la situazione della Cispadana e della Bretella Campogalliano-Sassuolo. Questo rappresenta, senza dubbio, una buona notizia. Ma non possiamo dimenticare che sono anni che sentiamo annunci, ebbene prima di dire gatto vogliamo averlo nel sacco”. Gilberto Luppi, presidente generale Lapam Confartigianato, commenta così la notizia dell’inserimento delle due autostrade, che collegano la zona nord delle province di Modena e Reggio Emilia con Bologna e quella che servirà il distretto ceramico a cavallo tra le due province, tra le opere del Decreto Semplificazione. “Ho detto tante volte che sentivo parlare di Cispadana da quando indossavo i calzoni corti e che la Bretella è sembrata cosa fatta almeno una decina di volte, dunque aspettiamo a cantare vittoria. Ma queste opere sarebbero un driver importante per il territorio, aumenterebbero la competitività delle nostre imprese e nessuno più degli imprenditori sa quanto questo sia determinante in un periodo così incerto e potenzialmente devastante come quello attuale”.

Ma a proposito di infrastrutture e di autotrasporto, interviene anche il presidente nazionale di Confartigianato Trasporti e di Unatras, Amedeo Genedani. Che mette i puntini sulle i riguardo a una categoria ‘sedotta e abbandonata’: “Il Governo ci sta trattando da ultimi delle classe. Ma se ci fossimo fermati nel periodo del lockdown avete idea di cosa sarebbe successo? Ci auguriamo che dal 15 luglio gli impegni del Ministero siano rispettati. Dal punto di vista dei trasporti, come ho detto anche al ministro De Micheli, siamo stati usati e oserei dire, gettati. Avevamo chiesto dei cambiamenti importanti che stentano ad arrivare. Soprattutto chi ha lavorato nel periodo del lockdown e ha lavorato al 50% a fatica, o anche in perdita, lo ha fatto per spirito di servizio e per dare da mangiare al Paese. Queste imprese sono state addirittura escluse da tutti i benefici perché hanno fatturato più dell’anno precedente. A questo punto – prosegue Genedani -, se si dovesse arrivare ad un altro lockdown, molta gente che ha lavorato durante i mesi di stop potrebbe scegliere di rimanere ferma, tenere i dipendenti in cassa integrazione e aspettare gli aiuti statali. Se vieni escluso da tutti i benefici solo perché hai lavorato, per di più in perdita, una reazione è automatica”. La categoria fa alcune richieste e ha ottenuto pochissimo: “Chiediamo soprattutto un accorciamento dei tempi di pagamento. Siamo l’unica categoria che trasporta e che incassa dopo il viaggio. Per ora abbiamo ottenuto soltanto venti milioni di euro sui pedaggi autostradali e stiamo ancora discutendo, perché vorremmo recuperare le spese non documentate deducibili per gli artigiani. Circa 48 euro al giorno per i giorni lavorati, un provvedimento che darebbe un minimo di respiro in più per le piccole imprese dell’artigianato”.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013