Bretella Campogalliano-Sassuolo, Cispadana e terza corsia A22, il punto in una lettera della Regione alla Provincia




Partire entro quest’anno con i cantieri della bretella Campogalliano-Sassuolo e nel 2021 con quelli della Cispadana. Sono questi i tempi scanditi in una lettera dell’assessore regionale alla Mobilità Andrea Corsini, inviata nei giorni scorsi al presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei, per fare il punto sulle grandi opere stradali che interessano il territorio modenese.

«Una conferma importante in questa difficile fase di ripresa – sottolinea Tomei –  dove gli investimenti pubblici rappresentano una spinta decisiva per far ripartire l’economia. Cispadana e bretella Campogalliano-Sassuolo sono due progetti destinati a rivoluzionare la mobilità e la competitività nel territorio provinciale, insieme al completamento della nuova Pedemontana, sul quale siamo impegnati».

Sulla Cispadana, si legge nella lettera di Corsini, «sono in fase di ultimazione da parte del concessionario gli approfondimenti tecnici per l’ottimizzazione del progetto di concerto con la Regione e nel frattempo è stato istituito l’Osservatorio ambientale per le verifiche delle condizioni di compatibilità. La Regione intende mettere in atto tutte le misure possibili, anche con il coinvolgimento del Governo», mentre Tomei annuncia che nei prossimi giorni è previsto un incontro in videoconferenza con la ministra alle Infrastrutture Paola De Micheli, la Regione e  i  sindaci per fare il punto sul progetto.

Ultimata questa fase, entro quest’anno, sarà attivata la Conferenza dei servizi e si avvieranno le procedure di approvazione del progetto definitivo; seguirà la progettazione esecutiva e il successivo avvio dei cantieri, appunto, entro il 2021 con la conclusione dei lavori prevista entro la fine del 2025.

Per quanto riguarda la bretella, Corsini nella lettera, dopo aver ricordato «come la Regione abbia più volte rimarcato al ministero delle Infrastrutture la necessità di cantierare velocemente le opere giudicate fondamentali per lo sviluppo del territorio», sottolinea che con l’avvio dei lavori deve partire «un tavolo tecnico per l’ottimizzazione del tracciato nel territorio del comune di Modena»; il ministero, ricorda Corsini, ha approvato il progetto esecutivo e la concessionaria ha avviato le procedure per gli espropri per avviare i lavori quest’anno e concluderli in circa tre anni e mezzo.

Nella lettera, inoltre, si parla anche del progetto della terza corsia della A22 fra Modena e Verona che, ricorda Corsini, è già stato approvato dalla società Autobrennero, ma per realizzare l’opera «occorre risolvere il tema della concessione autostradale».



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013