Rubiera: al supermercato con disabile in carrozzina per rubare, sorvegliato speciale arrestato dai carabinieri




Un sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Reggio Emilia  è stato arrestato dai carabinieri di Rubiera per aver violato le prescrizioni della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel capoluogo reggiano a a cui è sottoposto dal giugno del 2017. Ha violato le norme per andare a Rubiera e rubare punte di parmigiano reggiano da un supermercato del paese con la complicità di un correo costretto in carrozzina che il sorvegliato ha portato con se. L’uomo questa mattina, comparso davanti al Tribunale di Reggio Emilia, dopo la convalida dell’arresto, non sussistendo esigenze cautelari, veniva quindi rimesso in libertà.

Sia il 34enne sorvegliato che ‘amico disabile 29enne, entrambi residenti a Reggio Emilia, sono anche accusati del furto di 12 punte di parmigiano reggiano del valore di circa 200 euro, che recuperate, parte in uno zaino  e parte nello schienale della carrozzina, sono state restituite al supermercato derubato. L’origine dei fatti ieri poco dopo le 14.30 quando una pattuglia dei carabinieri di Rubiera si recava presso il supermercato Ecu di quel centro per un furto in atto. Lungo via Togliatti angolo con Via Mozart i carabinieri avevano modo che il responsabile del supermercato stava inseguendo un uomo che spingeva una carrozzina con altro uomo sopra.

I due raggiunti dai carabinieri sono stati fermati.

Si apprendeva quindi che gli stessi poco prima all’uscita del supermercato erano stati scoperti aver asportato 9 punte di parmigiano reggiano che avevano occultato all’interno di uno zaino e che avevano restituito su richiesta del responsabile per poi allontanarsi seguiti dallo stesso responsabile che nel frattempo aveva allertato i carabinieri. I motivi dell’allontanamento frettoloso è stato chiarito dalla perquisizione eseguita dai carabinieri che consentiva di rinvenire dietro lo schienale della carrozzina altre tre punte di parmigiano reggiano rubate nella stessa circostanza. Mentre le punte di parmigiano del valore complessivo di 200 euro veniva restituite al commerciante i due venivano condotti in caserma e denunciati per furto aggravato in concorso. Per il 34enne però scattavano le manette in quanto veniva arrestato avendo violato le norme della sorveglianza speciale con obbligo si soggiorno a Reggio Emilia.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013