Montese, conclusi i lavori sul ponte dei rio Saburano. Il piano della Provincia sui ponti




A Montese sono terminati i lavori di adeguamento e consolidamento del ponte sul rio Saburano, lungo la strada provinciale 27.

Con un investimento complessivo da parte della Provincia di 600 mila euro, sono stati eseguiti lavori strutturali di ripristino dei calcestruzzi e delle armature di tutti gli archi, che sono stati rinforzati con nuovi getti e fibre di carbonio, dei pilastri e dei traversi; eseguiti anche l’adeguamento della sede stradale e delle rampe di accesso e il rifacimento dei guard rail.

Nell’ambito del progetto nelle prossime settimane saranno realizzati anche lavori complementari di risanamento e pulizia del rio sottostante, dove negli anni si sono accumulati materiali e piccole quantità di rifiuti.

Realizzato nell’immediato secondo dopoguerra su un vecchio ponte degli anni 20, il ponte presenta un arco in calcestruzzo di 40 metri di luce che sovrasta una gola, dove scorre il rio Saburano, particolarmente profonda (il dislivello dal ponte al fosso è di oltre 18 metri); la sede stradale è larga sei metri.

L’intervento, iniziato nel settembre scorso, fa parte del programma della Provincia per la manutenzione straordinaria di dieci ponti, lungo le strade provinciali, con un investimento complessivo di oltre sei milioni di euro, nell’ambito di un piano più ampio che prevede interventi su altri 20 ponti sul quale la Provincia ha chiesto finanziamenti statali.

Come ricorda Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena, «finora sui ponti della rete stradale provinciale non risultano situazioni di particolare rischio. Gli interventi inseriti nel piano riguardano infrastrutture che, per tipologia ed epoca di costruzione, necessitano di manutenzioni straordinarie alle strutture, allo scopo di “prolungarne la vita” nei prossimi decenni».

Terminerà, invece, il 18 marzo il primo stralcio dei lavori di rinforzo delle pile sul ponte dello Scoltenna, lungo la provinciale 4 Fondovalle Panaro, al confine fra Pavullo e Sestola; in estate sarà eseguita la seconda parte dei lavori che prevede la manutenzione del ponte con una spesa complessiva di oltre un milione e 500 mila euro.

IL PROGRAMMA DELLA PROVINCIA FINO AL 2023: PREVISTI LAVORI STRUTTURALI SU 10 PONTI, COSTO 6 MLM

Oltre ai lavori sul ponte dello Scoltenna, tra gli interventi previsti quest’anno dal piano della Provincia spiccano quelli sul ponte del torrente Leo a Fanano lungo la sp 324 e in pianura quelli sul ponte del Tiepido lungo la sp 16 a Castelnuovo Rangone.

Il programma prevede lavori strutturali su dieci ponti con due interventi ogni anno fino al 2023; tra questi il ponte del Guerro lungo la sp 17 a Castelvetro, il ponte di Villalunga lungo la sp 467 Pedemontana a Sassuolo, i ponti lungo la provinciale 324 a Riolunato e Frassinoro, sul ponte di Casa dell’Aglio a Palagano e sul ponte di Concordia della sp 8; con risorse dello Stato quest’anno partirà anche la manutenzione del viadotto di Navicello, lungo la provinciale 255 Nonantolana.