Giovedì a Modena una giornata di studi per ricordare la nascita dei nidi


Era il novembre 1969 quando aprì a Modena il primo nido d’infanzia pubblico, l’allora Nido d’Infanzia Bonaccini, ora Polo per l’Infanzia Triva, due anni prima dalla legge 1044/1971 istitutiva degli asili nido comunali con il concorso dello Stato. Uno sguardo al futuro e alle esigenze delle famiglie che Modena ha sempre cercato di conservare e che sarà al centro del convegno di studi “Asili nido, da 50 anni un viaggio nel futuro” in programma giovedì 16 gennaio alla Sala Panini della Camera di Commercio, in via Ganaceto 134, Modena.

Ad aprire i lavori, alle ore 17, sarà la vice ministra dell’Istruzione onorevole Anna Ascani, mentre le conclusioni sono affidate al sindaco Gian Carlo Muzzarelli. L’assessora all’Istruzione Grazia Baracchi illustrerà l’intervento dal titolo “Un viaggio lungo 50 anni tra bisogni e diritti”. A seguire, con “Conoscere la storia per progettare il futuro”, parleranno Franca Marchesi e Lorenzo Campioni, curatori del libro “Una partenza forte–1969: i primi asili nido comunali in Emilia-Romagna” che ripercorre quella pagina dei servizi sociali che vide appunto Modena, insieme a Carpi, Scandiano e Bologna, all’avanguardia in regione e in Italia. Tratto dallo stesso volume, Maria Cristina Stradi e Mauro Francia presenteranno il “Primo Nido a Modena” e Francesca D’Alfonso “Le tracce più significative della storia” tratto dal libro “Sui nostri passi”

In sala saranno inoltre presenti amministratori, operatori e persone che hanno segnato il percorso di costruzione e realizzazione dei nidi a Modena.