Anche i Vigili del Fuoco di Bologna festeggiano la ricorrenza di Santa Barbara


Come ogni anno, fedeli alla tradizione, i Vigili del Fuoco festeggiano la ricorrenza di Santa Barbara. Dopo la messa officiata da Cardinal Matteo Zuppi, è seguito il discorso della dirigenza. La ricorrenza, infatti, oltre a rappresentare un momento di riflessione e preghiera, è anche l’occasione per tracciare il bilancio dell’attività svolta nell’ultimo anno, sia per quanto attiene il soccorso tecnico urgente che gli altri compiti d’istituto.

 

ORGANICO DEL COMANDO PROVINCIALE DI BOLOGNA: conta attualmente circa 450 unità di personale operativo di ruolo e 30 unità di personale amministrativo-contabile e circa 350 unità di personale volontario.

Negli ultimi 12 mesi sono stati effettuati sul territorio provinciale di Bologna, 17.131 interventi di soccorso (quasi 50 al giorno), così ripartiti:

■ Sede Centrale n. 5.132 interventi

■ Distaccamento cittadino Carlo Fava n. 3.449

■ Distaccamento di Zola Predosa n. 1.674

■ Distaccamento di Imola n. 1.403

■ Distaccamento di Budrio n. 732

■ Distaccamento di Pianoro n. 533

■ Distaccamento di Vergato n. 380

■ Distaccamento aeroportuale n. 12

■ Nucleo Sommozzatori n. 130

■ Nucleo Elicotteri n. 100

■ Distaccamento Volontario di S. Pietro in Casale n. 683

■ Distaccamento Volontario di S. Giovanni in Persiceto n. 545

■ Distaccamento Volontario di Bazzano n. 524 ■ Distaccamento Volontario di Medicina n. 443

■ Distaccamento Volontario di Gaggio Montano n. 311

■ Distaccamento Volontario di Monzuno n. 294

■ Distaccamento Volontario di Molinella n. 248

■ Distaccamento Volontario di Monghidoro n. 222

■ Distaccamento Volontario di Castiglione dei Pepoli n. 201

■ Distaccamento Volontario di Fontanelice n. 145

La tipologia degli interventi effettuati è stata:

▪ N. 3.143 incendi

▪ N. 490 soccorsi e salvataggi a persone

▪ N. 960 incidenti stradali e recuperi

▪ N. 1.405 dissesti statici, danni da acqua e frane

▪ N. 987 salvataggi e soccorso a persone

▪ N. 316 salvataggi di animali

▪ N. 264 incendi di bosco e sterpaglie

▪ N.1.546 bonifiche da insetti

▪ N. 593 fughe di gas

▪ N. 7.427 altre tipologie di interventi classificati “vari” (aperture porte per soccorso, ascensori bloccati, ecc.)

Nel suo discorso il Comandante provinciale ha ricordato il difficile lavoro svolto dai colleghi  nei luoghi interessati dalle varie emergenze, ultime in ordine di tempo nei territori dell’Albania ma anche le sconfitte come quella vissuta il 5 novembre quando, in provincia di Alessandria, il crollo di una cascina disabitata causato da un’esplosione, ha determinato la morte di tre vigili: Antonio, Marco e Matteo.

Fra i tanti interventi di soccorso sul territorio bolognese nell’anno 2019, ne sono stati ricordati alcuni che hanno richiesto elevati dispiegamento di forze, professionalità e organizzazione, come per esempio le esondazioni di febbraio che hanno interessato i territori comunali di Castel Maggiore e Argelato e quella di novembre che ha colpito particolarmente il comune di Budrio. In queste situazioni, causate con sempre maggiore frequenza dagli inarrestabili cambiamenti climatici, il Comando di Bologna è riuscito a rendere disponibili in pochissimo tempo, tra vigili di ruolo e volontari, diverse decine di squadre con circa 150 unità. Il Comando di Bologna, è stato ricordato, ha vissuto momenti di apprensione in occasione di un intervento, effettuato l’8 novembre, per incendio di un grosso tir sull’autostrada A1, nei pressi dell’area di servizio Cantagallo Ovest. Durante tali operazioni due vigili del distaccamento di Zola Predosa, Massimiliano Merighi e Ubaldo Monteforte, sono rimasti feriti per il verificarsi di una improvvisa sovrappressione dovuta al materiale presente sul tir, riportando diverse lesioni. Con esemplare tenacia e determinazione entrambi stanno superando i momenti più difficili per iniziare la fase di riabilitazione.

Molto intensa è stata nell’anno anche l’attività dei Servizi a pagamento (per un introito di 2.386.500 €) , che comprende la prevenzione incendi (1.350.000 €) (n. 7.300 pratiche evase), la formazione di personale componente le squadre di emergenza di aziende pubbliche e private ai sensi del D. Lgs. 81/2008 (433.500 €) e la vigilanza antincendi (928 servizi presso locali di pubblico spettacolo) per un importo complessivo circa 603.000 €.

Notevole impulso è stato dato durante l’arco dell’anno alla formazione interna rivolta al personale dipendente allo scopo di migliorare la capacità operativa del Comando e soddisfare con sempre maggiore sicurezza le richieste di soccorso della cittadinanza. In tal senso sono stati effettuati 10 corsi di formazione nei vari campi di azione dei Vigili del Fuoco che, con il contributo di ulteriori corsi regionali, hanno consentito a n. 232 unità di dedicare almeno 36 ore alla formazione. Intenso è inoltre proseguito l’addestramento nelle varie specialità e specializzazioni, nonchè momenti formativi, ai quali hanno partecipato 150 unità, su specifiche problematiche. Si stanno portando poi a conclusione i corsi per il rilascio di patenti di 2° e 3° grado, in particolare per i volontari.

Nel concludere la sua relazione, il Comandante provinciale ha comunicato progetti e iniziative avviate, come:

  • Realizzazione di una nuova e più moderna Sala Operativa 115;
  • Attivazione di un distaccamento permanente sul territorio di competenza del Comune di San Lazzaro di Savena (Sindaco Isabella Conti);
  • Realizzazione della nuova Sede dei distaccamenti di Imola e di Pianoro;
  • Completa ristrutturazione del Distaccamento cittadino Carlo Fava;
  • Intensificare i rapporti di collaborazione con gli Ordini e Collegi Professionali e le Associazioni di categoria, in modo da rendere più coordinato e condiviso il lavoro dei professionisti, che operano nel settore della Sicurezza Antincendi ( da qualche settimana è entrato in vigore il Codice di Prevenzione Incendi per molte tipologie di attività soggette).