“I Bemolli sono BLU”: quando la Musica supera qualsiasi barriera, domenica ad Imola


L’Associazione “Imola Autismo.Anche noi ci siamo” Onlus, in collaborazione con l’Accademia “Incontri con il Maestro” di Imola, ha organizzato l’iniziativa culturale “I Bemolli sono Blu” che vedrà esibirsi, in concerto per pianoforte, ragazzi nello spettro autistico. Le due allieve dell’Accademia di Imola, Eleonora e Beatrice Dallagnese saranno le madrine dell’evento e offriranno un momento musicale a quattro mani dedicato ai giovani musicisti. L’evento, realizzato in collaborazione con il Comune di Imola che per l’occasione ha reso disponibile il teatro Ebe Stignani, si svolgerà al teatro Comunale della Città il 17 novembre alle ore 16.30.

Il progetto culturale nasce con l’obiettivo di valorizzare le doti artistiche, facendo incontrare, sotto il segno della musica, tanti ragazzi con differenti capacità. Sono tanti infatti i giovanissimi che possiedono spiccate attitudini musicali, a prescindere dalla propria condizione personale.

Data l’importanza del tema, silenzioso ma che coinvolge nel profondo molte realtà familiari in Italia e nel mondo, anche il Ministero per l’Educazione e il Lavoro della Repubblica di Malta, nella persona dell’Hon. Evarist Bartolo, ha concesso con piacere il proprio patrocinio al fine di sostenere una maggiore sensibilità su questo argomento.

Il titolo dell’evento, proposto dall’Accademia, riprende gli scritti del musicista e compositore francese Claude Débussy, “ I Bemolli sono Blu” e fa esplicito riferimento al colore simbolo dell’autismo, il BLU.

I ragazzi che suoneranno hanno dai 13 ai 28 anni e studiano da molto tempo sia con insegnanti che presso conservatori e istituti musicali. Molti di loro si esibiscono già in concerti trovando nella musica un’opportunità di contatto e relazione con il mondo circostante.

Tra di loro c’è anche il pianista ventottenne italiano Gabriele Naretto che si è già esibito due volte in Quirinale alla presenza del Capo dello Stato. Allo Stignani Naretto suonerà ‘classici senza tempo’ del Jazz: “Cheek to Cheek” di Irving Berlinc, “The Lady is a tramp” di Rodgers e Hart, “A foggy day” di George Gershwin e la colonna sonora del film La stangata “The entertainer” di Scott Joplin.

Poiché non si tratta di un’iniziativa per soli addetti ai lavori, l’evento si dipanerà tutto sul filo della metafora. Scelti dai singoli pianisti, i brani musicali saranno inseriti in un continuum narrativo, a cura di una voce narrante, con presentazione sintetica dell’interprete e dei brani a cura degli alunni dell’I.C. 5 di via Pirandello e del Polo Liceale di Imola.

L’associazione “Imola Autismo. Anche noi ci siamo” ha, infatti, proficua e costante collaborazione con gli istituti scolastici del territorio presenti anche in questa occasione.

Di fondamentale importanza inoltre è la collaborazione delle associazioni Anteas e Auser Territoriale che, con il loro supporto tecnico forniranno il trasporto per le persone anziane o con difficoltà di locomozione, rendendo così il concerto veramente aperto e fruibile per tutti.

L’ingresso è libero e gratuito. In occasione dell’evento chi volesse partecipare e avesse necessità di un trasporto personalizzato può già contattare Ateas sig.ra Angela 333.8538157, Auser sig.ra Bruna 0542.25681 per prenotare il proprio viaggio.

La cittadinanza tutta è invitata.