Studio Unimore mostra per la prima volta una correlazione tra l’espressione di S1P3 e la leucemia mieloide acuta nell’uomo


Una importante ricerca targata Unimore evidenzia per la prima volta il ruolo del recettore S1P3 della sfingosina 1-fosfato (S1P) nello sviluppo di alcune forme di leucemia mieloide acuta (AML).

Lo studio per il suo rilievo dal punto di vista scientifico è stato recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista Leukemia (https://www.nature.com/articles/s41375-019-0577-7).

Coordinata dal dott. Francesco Potì, la scoperta è il risultato di una ricerca lunga più di cinque anni, condotta nel Laboratorio di Endocrinologia Molecolare del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze di Unimore, diretto dalla prof.ssa Manuela Simoni.

La storia di questa scoperta è particolarmente intrigante. “Ho iniziato – è il racconto del dott. Francesco Potì – ad occuparmi dei recettori di S1P molti anni fa qui a Modena, grazie al progetto FIRB-IDEAS, di cui la prof.ssa Simoni era Responsabile, sviluppato insieme al prof. Jerzy-Roch Nofer dell’Università di Münster in Germania. S1P è un componente delle HDL, le lipoproteine note come “colesterolo buono”, ed il progetto iniziale mirava a studiarne il ruolo nelle malattie cardiovascolari, aterosclerosi in particolare, utilizzando topi transgenici. In modo inatteso, come spesso capita nella ricerca di base, alcuni topi sviluppati ad hoc per essere protetti contro l’aterosclerosi hanno invece mostrato caratteristiche particolarmente rilevanti dal punto di vista ematologico”.

Da qui l’idea di indirizzare una parte delle ricerche verso un ambito inatteso per gli endocrinologi modenesi, coinvolgendo anche tre centri universitari esteri altamente specializzati nell’ematologia clinica e sperimentale, precisamente Friburgo e Heidelberg, in Germania, e Rotterdam, in Olanda.

“Questo risultato è veramente la dimostrazione delle sorprese che può riservare una ricerca di base ben condotta – dice la prof.ssa Manuela Simoni di Unimore -. Abbiamo iniziato un progetto in ambito metabolico e ci siamo ritrovati un modello sperimentale rilevante per la leucemia umana. Mi auguro che risultati come questo favoriscano le collaborazioni interdisciplinari e facciano capire a tutti l’enorme rilevanza della ricerca di base, oggi piuttosto negletta dai principali enti finanziatori della ricerca”.

RISULTATI DELLO STUDIO

S1P3 è un recettore espresso da molte cellule del nostro organismo, funzionando da “sensore” per la molecola S1P. I topi oggetto della ricerca sono stati ingegnerizzati in modo da amplificare questo segnale in alcune cellule del sangue e del sistema immunitario, mostrando caratteristiche patologiche molto simili a quelle di una leucemia umana. Una lunga serie di esperimenti effettuati in laboratorio ha confermato questa ipotesi.

Un fattore estremamente interessante è emerso dalle analisi genetiche di circa 400 pazienti con diagnosi di leucemia mieloide acuta (AML). In tale popolazione, infatti, si è riusciti a dimostrare per la prima volta una correlazione molto forte tra l’espressione di S1P3 e l’AML nell’uomo.

Infine, lo studio ha aperto la strada a future opportunità terapeutiche: il trattamento con fingolimod, un farmaco attualmente in uso per la sclerosi multipla, capace di agire anche sul recettore S1P3, è stato in grado di migliorare significativamente il quadro patologico, normalizzando le alterazioni indotte nei topi dello studio.

Il dott Francesco Potì (a sinistra nella foto) e il prof. Jerzy-Roch Nofer (a destra) hanno lavorato al progetto per oltre 5 anni nel laboratorio di Endocrinologia Molecolare di Unimore diretto dalla prof.ssa Manuela Simoni. Il dott. Francesco Potì è ora ricercatore presso l’Università di Parma, mentre il prof. Nofer è docente di Patologia Clinica presso l’Università di Amburgo (Germania).