Sgambati (Lega) circa le problematiche della frazione di San Venanzio segnalate dai residenti


“I Residenti di San Venanzio continuano a segnalare nelle riunioni frazionali e sui social tante problematiche, che ancora oggi non trovano soluzione. Ci sono problemi di sicurezza per gli automobilisti riconducibili ai rami degli alberi sporgenti su via Giardini, aggravati dal fatto che la stessa via Giardini continua ad essere una pista per moto con rischi per l’incolumità dei pedoni e dei ciclisti”.

“I residenti della località Poggio, ai confini della frazione di San Venanzio, lamentano la mancanza di illuminazione lungo la strada che conduce alle loro abitazioni; da sempre, chiedono la collaborazione del comune per illuminare e rendere più sicuro il loro nucleo isolato; tante promesse nel corso di questi anni, ma nessun fatto.

Tanta trascuratezza c’è lungo i marciapiedi del centro abitato di San Venanzio, con erbacce che ostacolono il passaggio dei pedoni, in particolare in adiacenza all’ex Postiglione, dove è anche indecoroso lo spettacolo offerto dall’area cortiliva dell’Ex asilo Borghi; sembra che all’interno della recinzione si è sviluppata una sorta di giungla. La mancanza di continuità dei marciapiedi, sempre nel centro abitato, rende poi quasi impossibile il passaggio delle carrozzine dei disabili.

Poco curata e pulita si presenta anche l’area esterna alla palazzina ex scuole, sede del circolo il Canarino e degli alloggi destinati ai profughi; anche come conseguenza di questo degrado, l’adiacente parchetto tende a non essere più utilizzato dai residenti; rifiuti sparsi si notano spesso anche nel parcheggio del cimitero frazionale.

Al centro della frazione, vicino a una casa disabitata, sembra poi essere fonte di pericolo un ex forno, nei pressi del quale si ritrovano spesso a giocare dei bambini; se dovesse essere a rischio crollo, andrebbe recintato e reso inaccessibile.

San Venanzio continua infine ad essere una frazione, per gran parte del suo territorio, sprovvista di copertura da parte degli operatori di telefonia mobile; il disagio è stato segnalato all’Amministrazione comunale più volte, senza che si sia trovata una soluzione; la situazione diventa insostenibile a seguito dei blackout elettrici, purtroppo frequenti, in occasione dei quali non funziona neppure il cellulare per avvertire il servizio di emergenza”.

“Il consigliere comunale Vincenzo Sgambati della Lega  – continua la nota – ha presentato al Sindaco di Maranello un’interrogazione consiliare chiedendo se l’Amministrazione comunale è a conoscenza delle problematiche riportate in premessa e segnalate da sempre dai residenti di San Venanzio, nonchè se intende intervenire per dare soluzione alle problematiche di cui sopra (rami alberi sporgenti su via Giardini, pericolo moto, mancanza illuminazione al Poggio, degrado dei marciapiedi frazionali, dell’area cortiliva ex asilo boghi, dell’ex scuola, del parchetto e del parcheggio cimitero, pericolo ex forno, mancanza di copertura della telefonia mobile e blackout elettrici). Nell’interrogazione si chiede altresì di indicare un cronoprogramma degli interventi, nel caso in cui l’Amministrazione comunale intenda attivarsi”.

(immagine d’archivio)