Domattina il test d’ammissione ai corsi di laurea Unimore nell’ambito delle Professioni Sanitarie


E’ da sempre il test di ammissione col maggior affollamento di studenti tra le tante prove che si sostengono ogni anno a Unimore per accedere ai corsi a numero chiuso. Nell’anno accademico 2019/20 sono 1.314 i candidati attesi a Modena per contendersi l’ammissione ad uno dei 12 corsi di laurea triennali nell’ambito delle Professioni Sanitarie (Dietistica, Fisioterapia, Infermieristica Modena, Infermieristica Reggio Emilia, Logopedia, Ostetricia, Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica, Tecniche di Laboratorio Biomedico, Tecniche di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia, Igiene Dentale e Terapia Occupazionale), organizzati dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. In palio 463 posti, 38 dei quali riservati a studenti stranieri residenti in Paesi extra UE.

Il numero dei candidati è sostanzialmente in linea col numero di domande che si sono avute l’anno scorso (1.309) ed è molto superiore alle reali disponibilità, ciò anche in conseguenza dei lusinghieri giudizi che il Censis ha attribuito anche nel 2019 ai corsi in Professioni Sanitarie di Unimore, assegnandogli la prima posizione in Italia per quanto riguarda il podio della qualità didattica dei corsi in questo ambito disciplinare.

L’elevato indice di affollamento (2,8 candidati per ogni posto disponibile) renderà particolarmente selettiva la prova, soprattutto osservando i dati relativi alle prime scelte compiute dalle aspiranti matricole (ognuna in sede di domanda di ammissione poteva indicare 3 opzioni in ordine di preferenza), che la rende molto accesa soprattutto per assicurarsi l’ingresso nel corso di laurea in Fisioterapia, dove l’indice di affollamento arriva a oltre 12 candidati per ogni posto (12,5). Ma, sarà ugualmente dura anche per Dietistica con 8 aspiranti a contendersi ognuno dei posti disponibili, per Logopedia con quasi 7 candidati (6,8) per ogni posto disponibile, per Ostetricia con più di cinque (5,3) e Igiene Dentale anche questo corso con oltre cinque (5,1) candidati per posto.

 

LA DATA: il test il giorno 11 settembre

La prova di ammissione, che sarà contemporanea su tutto il territorio nazionale, si svolgerà mercoledì 11 settembre, con i candidati convocati tassativamente per le ore 8,30 al Centro Servizi Didattici della Facoltà di Medicina e Chirurgia a Modena (via del Pozzo 71 – Area Policlinico) per cominciare le operazioni di accreditamento nelle aule rese note mediante avvisi pubblicati all’ingresso del Centro Servizi fin dal 6 settembre e comunque ufficializzate attraverso la consultazione del sito http://www.unimore.it/Bandi/StuLau-Avvisi.html.

E a questo proposito si avvertono i candidati che non possono portare carta da scrivere, appunti, manoscritti, libri o pubblicazioni di qualunque specie e, soprattutto, telefoni cellulari. Necessario, invece, un documento di identità regolarmente valido.

 

LA PROVA: 60 quesiti a risposta multipla in 100 minuti

Il test da affrontare, consisterà in un questionario di 60 quesiti a risposta multipla (di cui una sola esatta rispetto alle cinque indicate), predisposto dal CINECA, Consorzio Interuniversitario per la Gestione del Centro Elettronico dell’Italia Nord Orientale. Le materie oggetto del test, per il quale gli studenti hanno a disposizione 100 minuti, variano dalla Biologia (18 quesiti), alla Chimica (12 quesiti), alla Fisica e Matematica (8 quesiti), alla Cultura Generale (12 quesiti) e al Ragionamento logico (10 quesiti). L’inizio della prova è alle ore 11,00 e si concluderà intorno alle 12,40. Nessun candidato potrà lasciare l’aula fino al termine del concorso.

 

SORVEGLIANZA: 130 persone mobilitate per i controlli nelle 12 aule utilizzate

Le operazioni di accreditamento ed il corretto svolgimento della prova sono garantiti dalla presenza di una Commissione presieduta dalla prof. Gilda Sandri che si avvale di altri 17 colleghi docenti e di 130 persone appartenenti ai ruoli tecnico-amministrativi dell’Ateneo. Per contenere tutti i candidati verranno impiegate l’Aula Magna (400 candidati), suddivisa in 4 postazioni, e altre 11 aule.

 

CARATTERISTICHE DI GENERE DELLE DOMANDE

La stragrande maggioranza delle candidature è – come sempre – espressione della popolazione femminile, 986 studentesse (75%) contro 328 studenti (25%).

 

LA PROVENIENZA GEOGRAFICA

Considerando la provenienza geografica i locali, ovvero modenesi e reggiani, saranno in netta maggioranza (78,6%), in deciso incremento rispetto all’anno scorso di oltre 6 punti percentuali. Sono, infatti, ben 84 in più i modenesi e reggiani che quest’anno hanno scelto di avviarsi verso queste professioni che sicuramente offrono interessanti e sicuri sbocchi lavorativi.  I restanti candidati provengono per il 5,5% da altre province dell’Emilia Romagna e per il 15,6% da fuori regione. Gli stranieri iscritti alla prova sono 4.

 

L’ ETA’ DEI CANDIDATI E MOLTI CI RIPROVANO

Rispetto alle domande su altre prove sostenute finora, l’età media dei candidati presenti in questa prova risulta più alta: 20,8 anni per le femmine e 21,4 anni per i maschi. Ciò è conseguenza del fatto che numerosi candidati (226 – 17,2%) riprovano, chi per la seconda (189) e la terza (25) volta e chi addirittura (12) oltre la terza volta. Il candidato/a più anziano/a ha 57 anni, mentre il/la più giovane ne ha 18.

 

RACCOMANDAZIONE

Per evitare ingorghi su via del Pozzo, che dà accesso alla sede della prova di ammissione, a tutti i candidati viene rivolta la raccomandazione di abbandonare l’auto nei parcheggi pubblici, o lungo i viali della stazione ferroviaria, a Piazza Tien An Men o in via Campi (zona Campus scientifico o in via Gottardi (uscita tangenziale per Campus universitario), da cui è possibile prendere l’autobus n. 7 che ha una fermata nell’area Policlinico di Modena, dove avrà luogo la selezione.