“Libere di scegliere. I pericoli del Disegno di legge Pillon”, iniziativa dello Spi/Cgil di Modena


E’ promossa dal Coordinamento Donne dello Spi/Cgil Modena, l’iniziativa di giovedì prossimo 5 settembre presso la Festa del Pd dal titolo “Libere di scegliere, i pericoli del Disegno di Legge Pillon”.
Il dibattito è previsto allo Spazio Forum della Festa PD (Ponte Alto Modena) alle ore 17.
Intervengono Vittorina Maestroni del Centro Documentazione Donna Modena, l’avvocata Donatella Baraldi di Udi Modena, Matilde Orpelli della Rete degli Studenti e Manuela Gozzi segretaria Cgil Modena. Modera Daniela Pellacani del Coordinamento Donne Spi/Cgil Modena.

L’iniziativa di giovedì si collega alla mostra “Passi di Libertà. Il cammino dei nostri primi 70 anni” sull’emancipazione femminile negli ultimi 70 anni in Italia, allestita presso lo spazio mostre del Festival promossa da Coordinamento Donne Spi Modena-Reggio Emilia e Emilia Romagna e Centro Documentazione Donna Modena.

“Il Ddl Pillon, depositato dal senatore leghista Pillon con il passato Governo, rappresenta un forte attacco ai diritti e alla dignità della donne nell’affrontare il tema della separazione dei coniugi e dell’affido condiviso dei figli.
Anche se al momento potrebbe non andare in porto l’unificazione dei testi prevista per settembre, i contenuti del disegno di legge e degli altri Ddl depositati sul tema, rappresentano una minaccia che può riproporsi nel prossimo futuro.
La mediazione obbligatoria, la bi-genitorialità, il mantenimento diretto dei figli da parte di entrambi i genitori, così come tanti altri punti del Ddl, non tengono conto delle condizioni reali delle donne a cominciare dal gap salariale, e delineano una visione subalterna della donna e di negazione del diritto all’autodeterminazione.

E’ per questo importante continuare a parlarne e a tenere alta l’attenzione sui temi delle donne in un paese nel quale la parità reale è ancora un obbiettivo da raggiungere.
Lo Spi e la Cgil sono da sempre impegnati a difesa dei diritti civili e dei diritti di cittadinanza che sono alla base della democrazia”.

Al termine del dibattito, alle ore 19, è prevista la visita guidata alla mostra “Passi di Libertà” con Caterina Liotti e Elena Falciano curatrici della mostra.