Martinelli Ettore Srl: stamane l’incontro per la Cassa Integrazione Straordinaria e le altre tutele


Richiesta al Ministero per l’attivazione della Cassa Integrazione Straordinaria, per la durata di un anno prevista dalla legge, oltre a tutti gli ammortizzatori sociali previsti dalle normative vigenti.

Si è svolto questa mattina, presso il Centro per l’Impiego di Modena alla presenza del Agenzia Regionale per il Lavoro, dei rappresentanti dell’azienda e dei lavoratori, del Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani e di un rappresentante dell’Assessorato alle Attività Produttive della Regione, l’incontro necessario per cercare di trovare una positiva soluzione alla vicenda dei lavoratori, ancora in forza all’azienda in procedura fallimentare dalla fine del mese di Luglio, della ditta Martinelli Ettore srl.

“Si tratta di una vicenda – commenta il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – che ha avuto un grande risvolto mediatico e che sembrava aver imboccato un vicolo cieco ma per la quale, finalmente, iniziano a vedersi spiragli di luce.

Si procederà attivando tutte le tutele per i circa 17 dipendenti ancora in forza all’azienda che, sin dal primo incontro in Regione, io stesso avevo richiesto, tanto che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, giovedì scorso, ha convocato le parti a Roma per il prossimo giovedì 29 agosto alle 11, al fine di esprimersi sulla concessione della Cigs e delle altre tutele”.

L’Agenzia Regionale per il Lavoro attiverà azioni di politiche attive per i lavoratori, al fine di aiutarli a reinserirsi nel mondo del lavoro, anche attraverso l’utilizzo del cosiddetto Assegno di Ricollocazione.

“Ho ottenuto l’elenco completo dei lavoratori ancora dipendenti della Martinelli – conclude il Sindaco di Sassuolo – ed in questi giorni continuerò ad operare affinchè queste persone, tutte quante qualificate e con un’importante esperienza alle spalle, possano essere ricollocate in altre ditte del territorio alcune delle quali già si sono dichiarate interessate”.

La procedura – aggiunge la Regione in una nota – si è avviata presso l’Agenzia regionale per il lavoro alla presenza, del curatore fallimentare, Paolo Rinaldi, dei sindacati e dei rappresentanti dei lavoratori dove è stata firmato l’accordo propedeutico all’esame congiunto per la Cigs per cessazione previsto, appunto, per il prossimo giovedì 29 agosto a Roma presso il Ministero del Lavoro.

“Con questo accordo – dichiara l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi – si sono create le condizioni per richiedere la Cigs al fine di assicurare le necessarie garanzie a sostegno del reddito. Questo permetterà, inoltre, al curatore fallimentare di attivarsi successivamente per cercare di individuare una prospettiva di continuità aziendale ed occupazionale attraverso una procedura di affitto e/o cessione del compendio aziendale. L’impegno della Regione sulla vicenda prosegue con tutta l’attenzione e la determinazione necessaria al fine di salvaguardare i lavoratori”.