Guide ambientali escursionistiche: iscrizioni aperte per il corso Formart e Lapam


“Potenziando l’offerta di guide ed esperti del territorio la nostra associazione dimostra di puntare su un turismo più consapevole e rispettoso dell’ambiente: questa, per le imprese turistiche della montagna, è una carta in più da offrire ai clienti”.

Daniele Casolari, segretario Licom, la sigla che racchiude le aziende del turismo del commercio e dei pubblici esercizi aderenti a Lapam, commenta così l’istituzione del secondo corso per Gae (Guide escursionistiche ambientali) che si terrà da maggio. Le iscrizioni, però, sono già aperte e sono diverse le persone interessate, è quindi necessario affrettarsi per formalizzare l’iscrizione ed evitare di restare fuori dal corso promosso da Formart (l’ente di formazione di Confartigianato regionale) e Lapam.

In un percorso formativo di 150 ore riconosciuto da Regione Emilia Romagna, i partecipanti potranno approfondire tematiche di sicuro interesse per turisti desiderosi di scoprire la biodiveristà e le bellezze storico naturalistiche dell’Appennino. Oltre alla parte teorica i corsisti effettueranno sei escursioni in altrettanti luoghi dell’Appennino: dal parco di Monteccuccoli ai Sassi di Roccamalatina, dal Parco di Monte Sole alle Piane di Lama Mocogno, per approfondire sul campo le materie apprese in aula. Dopo l’esame finale i corsisti che saranno promossi riceveranno l’attestato di Guida Ambientale Escursionistica, valido in tutto il territorio europeo a esclusione dei percorsi alpinistici e di elevata difficoltà tecnica.

“Potenziando l’offerta di guide ed esperti del territorio – commenta Casolari, segretario Licom – la nostra associazione dimostra di puntare su un turismo più consapevole e rispettoso dell’ambiente: questa, per le imprese turistiche della montagna, è una carta in più da offrire ai clienti. Si tratta di un corso importante – prosegue il responsabile Licom Lapam – avere oggi delle guide esperte capaci di valorizzare il nostro territorio anche nelle stagioni primaverili, estive e autunnali, è sicuramente un plus che rafforza l’offerta turistica delle nostre valli. Il primo corso ha ‘promosso’ 12 nuove Guide, figure di cui il territorio ha estremo bisogno”. “Per noi le guide escursionistiche sono figure molto importanti – conclude Gian Luca Biolchini, presidente del Consorzio Albergatori del Cimone – perché ci danno supporto a portare in giro e in sicurezza le persone che arrivano in questo territorio in modo innovativo e attrattivo”.

Per informazioni: michela.fabiano@formart.it o sara.marchesini@formart.it.