Nuovo concerto Spira mirabilis venerdì a Formigine


Spira mirabilis torna a Formigine per un nuovo concerto venerdì 15 febbraio alle 21, ingresso libero fino a esaurimento posti, presso la Polisportiva formiginese (via Caduti di Superga 2). L’orchestra presenterà (dopo otto anni dalla prima esecuzione) Béla Bartók, Musica per archi, percussione e celesta. “Nel 2010 rischiammo il salto nel vuoto – affermano i musicisti – Dopo un paio d’anni dedicati alla ricerca di un’idea comune di cosa significasse suonare insieme, aiutati soprattutto dalla musica di Beethoven e Schubert, decidemmo allora che era il momento per tentare l’impossibile. E l’impossibile si presentava davanti a noi sotto le sembianze del compositore ungherese Béla Bartók e della sua impenetrabile Musica per archi, percussioni e celesta, la cui esecuzione senza un direttore che ci guidasse nelle prove e in concerto sembrava una follia. Oggi, dopo otto anni e decine di progetti, torniamo una seconda volta a quella Musica, ma questa volta saremo noi ad andare a lezione da un maestro. A Budapest ci attendono il direttore d’orchestra Iván Fischer e il pianista Ferenc Rados, due tra i più profondi conoscitori della musica di Bartók; abbiamo chiesto loro un incontro, e i Maestri ci hanno dato appuntamento per i giorni successivi al concerto di Formigine. Dopo lo studio, avremo questa volta l’eccezionale possibilità, di fronte ad una Musica così seducente e disorientante, di rimettere tutto in discussione”.