Fiera S. Antonio, 35 rimozioni e 26 sanzioni per divieto di sosta


Quindici controlli e quattro sanzioni ad altrettanti ambulanti con stand alimentari per violazione del regolamento che norma l’utilizzo di impianti Gpl, nessuna sanzione per violazioni del regolamento Tosap né sequestri per merce contraffatta o a venditori abusivi. Alla sede della Polizia municipale, alla stazione autocorriere, sono arrivate una denuncia per smarrimento di un bancomat al mattino e nel pomeriggio una per il furto di un borsellino.

Questo il bilancio delle attività di controllo della Polizia municipale svolte in occasione della fiera di Sant’Antonio a Modena, in una edizione tranquilla pur se molto partecipata. Di prima mattina, attraverso la modalità della spunta, dei 98 posti rimasti liberi sui 520 a disposizione, ne sono stati assegnati 53 ad altrettanti ambulanti in lista d’attesa.
Sempre nella mattinata, prima dell’inizio della fiera sono stati sanzionati e rimossi 35 veicoli per liberare gli spazi destinati a espositori, mentre altri 26, tra cui diversi furgoni di ambulanti in fiera, sono stati multati per divieto di sosta tra piazza Matteotti e via Farini.

La Municipale, nonostante la gran parte dei mezzi di espositori fosse regolarmente parcheggiata in piazzale Tien An Men, ha infatti notato la presenza di un certo numero di furgoni in centro storico e ha intensificato i relativi accertamenti. Per quanto riguarda l’accesso in zona Ztl, infatti, alcuni mezzi come quelli che erogano cibi cotti, sono dotati di un’autorizzazione che consente loro la possibilità di sostare. Gli altri, non in possesso di autorizzazione, devono uscire dalla Ztl e se non lo fanno vengono sanzionati.

Per quanto riguarda l’utilizzo del Parcheggio del Centro, è importante ricordare che molti mezzi utilizzati per il montaggio delle strutture hanno una altezza che è superiore al limite massimo (2,20 mt) fissato per il parcheggio sotterraneo.