Nominati i nuovi Direttori dei Distretti sanitari di Modena e Pavullo


andrea-spanoNuovi direttori per i distretti sanitari di Modena e Pavullo. Dal 1° novembre 2016, alla guida del Distretto sanitario di Modena è stato designato Andrea Spanò, dal 2015 al capo del Distretto di Pavullo. Al suo posto arriva Carlo Serantoni che ha ricoperto finora l’incarico di Direttore dell’Emergenza Territoriale dell’Ausl di Modena.

“Andrea Spanò e Carlo Serantoni possiedono entrambi competenze ed esperienze da mettere al servizio dei territori, e sapranno proseguire il lavoro di chi li ha preceduti consolidando la collaborazione innanzitutto con gli Enti Locali, e con tutti gli altri portatori di interesse – afferma il Direttore Generale dell’Azienda USL Massimo Annicchiarico.  Le loro alte qualità morali rappresentano una garanzia per l’applicazione dei principi del Servizio Sanitario Pubblico:  garanzia di attenzione e di risposta ai bisogni delle collettività come di ogni singolo cittadino, centralità della persona, tutela dei diritti dei più fragili, massima integrazione dei servizi.

Andrea Spanò (in alto) nato a Trapani nel 1960, è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e Specialista in Gerontologia e Geriatria. Ha frequentato un Corso di Psico-geriatria presso la Section Old Age dell’Institute of Psychiatry dell’Università di Londra. Ha iniziato la sua attività nella sanità pubblica nel 1992, come Geriatra all’Ospedale di Pavullo. Dopo un’esperienza nel mondo della sanità privata, nel 2000 è rientrato in Azienda USL a Modena dove ha svolto le funzioni di Responsabile Assistenza di Base e Salute Anziani per il Distretto pavullese, del quale, dal 2005, è stato il Responsabile delle Cure Primarie. Ha conseguito il Master in Funzioni Direttive e Gestione dei Servizi Sanitari presso Alma Mater Università di Bologna e dopo aver ottenuto la Certificazione Regionale di Formazione Manageriale è stato nominato nel 2015 Direttore del Distretto di Pavullo. Ha sviluppato specifici indirizzi di ricerca riguardanti sia la valutazione dell’invecchiamento cerebrale fisiologico e patologico e le sue ricadute sulle interazioni sociali dell’anziano e sia la progettazione ed organizzazione di servizi sanitari territoriali nell’ambito dello sviluppo della rete delle Cure Primarie Aziendale che sono state oggetto di pubblicazioni in riviste scientifiche nazionali ed estere. Dal 1° novembre 2016 sarà il nuovo direttore del Distretto di Modena.

carlo-serantoniCarlo Serantoni (in basso), nato a Bologna nel 1956, si laurea in Medicina a Bologna nel 1982. Specializzatosi in Medicina dello Sport nel 1988, dal 1990 al 2000 ricopre l’incarico di Direttore Sanitario della Pubblica Assistenza di Ozzano e San Lazzaro. Tra il 2002 e il 2005 lavora in Ospedale Maggiore a Bologna, fungendo anche da coordinatore medico della Centrale Operativa 118 di Bologna. Nel 2005 torna a Modena presso la Centrale Operativa 118, ricoprendo responsabilità sempre maggiori e contribuendo allo sviluppo delle attività di emergenza urgenza in provincia di Modena. Dal 2012 è il Direttore incarico dell’Unità operativa l’Emergenza Territoriale dell’Ausl di Modena. E’ autore di diversi pubblicazioni di livello nazionale sull’emergenza sanitaria e la traumatologia territoriale e dirige diversi corsi sugli stessi temi. Dal 1° novembre 2016 sarà il nuovo direttore del Distretto di Pavullo.

 

Cosa è un ‘Distretto sanitario’

Il Distretto sanitario è l’articolazione territoriale dell’Azienda USL che garantisce l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). Svolge un ruolo centrale per l’identificazione della domanda di salute espressa da diversi territori, e si fa garante dell’appropriatezza, qualità ed equità dei servizi offerti ai cittadini, attraverso il coordinamento e l’integrazione delle attività di assistenza primaria, assistenza ospedaliera, servizi socio-sanitari, e la innovazione nei modelli organizzativi e assistenziali. I direttori di Distretto sono i garanti, nei rispettivi territori, dell’ esercizio di tali attività. Nei territori di competenza rappresentano il Direttore Generale, curando i rapporti con Amministrazioni ed Istituzioni locali.