Massacrata e violentata per ore dal fidanzato che lei voleva lasciare. E’ successo in provincia di Reggio Emilia




violenza_donneAndata a casa del ragazzo ieri pomeriggio per comunicargli la fine della loro storia d’amore si è ritrovata per circa 3 ore in balia del suo ex che l’ha sottoposta ad ogni genere di brutalità. L’ha massacrata di botte (strappandole i cappelli e spaccandole i mobili in testa) abusando più volte di lei che, in un momento di minor attenzione del suo aguzzino, è riuscita ad aprire la porta e fuggire dalla casa degli orrori. Praticamente nuda e con evidenti segni delle violenze subite è scesa in strada venendo soccorsa da un passante che l’ha portata a casa. E mentre la ragazza in evidente stato di shock ricorreva alle cure mediche, i Carabinieri dipendenti dalla Compagnia di Guastalla, successivamente allertati, avviavano le ricerche del giovane rintracciandolo all’interno di un ristorante. In manette con l’accusa di sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni, i Carabinieri hanno arrestato un 24enne residente in un comune della bassa reggiana ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura di Reggio Emilia.

La ragazza poco più che ventenne dopo le cure mediche è stata dimessa con una decina di giorni di prognosi. A dimostrare la brutale violenza subita è stato il sopralluogo eseguito dai Carabinieri nella casa degli orrori: l’appartamento era devastato con suppellettili rotte in testa alla ragazza e nel pavimento erano presenti le ciocche dei cappelli strappati alla vittima. Le uniche urla strazianti della ragazza sentite dai vicini sono state quelle di quando lei era in strada.

 



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013